Cause e cure se il nostro gatto ha la diarrea, dissenteria

Spesso i gatti possono avere episodi di diarrea senza motivi gravi. In alcuni casi è sufficiente variare l’alimentazione per trovare la guarigione. In altri casi la diarrea può essere il sintomo di una patologia più grave che solo il veterinario può diagnosticare.

 

Cause di diarrea nel gatto

La diarrea è sempre un sintomo non una malattia, e consiste in un eccesso di acqua nelle feci. Può essere causata da ulcere da farmaci antinfiammatori, infiammazioni (come nei casi di enterite virale o infiammazione intestinale) e da processi infiltrativi della mucosa (come nel linfoma).
Episodi sporadici di diarrea nel gatto possono capitare senza che ci siano gravi conseguenze. Occorre approfondire invece le cause di diarrea se diventa cronica e acuta per stabilirne la causa specifica ed impostare un primo piano terapeutico.

La diarrea nei gatti può dipendere da cause gastroenteriche come:

  • Enterocolite aspecifica
  • Allergia alimentare o intolleranze ad alcuni alimenti come latte, mais, frumento, carne, pesce, pollo, uova, soia
  • Tossine
  • Malattie infettive (Salmonella, Campylobacter)
  • Parassitosi (Nematodi, Giardia, Cryptosporidium)
  • Infiammazioni intestinali
  • Neoplasie (linfoma, carcinoma ed altre)
  • Parassiti interni (anchilostomi, tenie, ascaridi, tricocefali, altri)
  • Cibo scaduto
  • Cibo troppo piccante o troppo salato o troppo grasso
  • Ingestione di animali morti come topi o uccelli
  • Carne, pesce o pollo mangiati crudi
  • Ingestione di corpi estranei indigesti come sassi, ossa, lana, tessuti, gomma
  • Sostanze tossiche come l’antigelo, detersivi, insetticidi, piante tossiche
  • Situazioni di stress come visite dal veterinario, viaggi, mostre feline, trasloco
  • Eccesso di cibo
  • Cambiamento dell’alimentazione
  • Acqua stagnante di pozzanghere o stagni
  • Antibiotici e altri farmaci

Oppure da cause non gastroenteriche come:

  • Ipertiroidismo
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza del pancreas esocrino
  • Malattie del fegato
  • Neoplasie non gastroenteriche
  • FeLV e FIV
  • Infezioni come ascessi ai denti e alla bocca.

La diarrea si distingue in acuta e cronica, grave e non grave e diarrea dell’intestino tenue o di quello crasso. Una diarrea è acuta o cronica se dura dalle due alle tre settimane.

Si considera diarrea grave se c’è la perdita del10% e oltre del peso corporeo del gatto e se c’è disidratazione del 3-5% o più, se ci sono gravi disturbi elettrolitici e febbre superiore a 40 °C.

 

Quando occorre chiamare il veterinario

Non ci si deve preoccupare troppo se malgrado la diarrea il gatto (con più di 7 mesi) continua a bere, mangiare, giocare e non manifesta altri sintomi preoccupanti. In questo caso si possono somministrare dei fermenti lattici per 2 volte al giorno (mezza fiala al mattino e mezza alla sera), anche la comune Enterogermina.
Inoltre è opportuno modificare l'alimentazione che deve essere il più possibile leggera e sana. Meglio evitare i cibi industriali di scarsa qualità. Potrebbe essere utile anche osservare un po’ di digiuno.

La diarrea può essere causata da diversi fattori, a volte anche difficili da identificare senza l'aiuto di esami specifici e a volte anche questi non bastano. Ad esempio il gatto può avere episodi di dissenteria a causa di un cibo non adatto, un'intolleranza ad una nuova pappa, oppure se vive in semilibertà può aver mangiato qualcosa che lo ha disturbato senza troppi rischi.

Se invece il gatto ha meno di 7 mesi e la diarrea è grave e/o associata a vomito ripetuto, è meglio ricorrere subito al veterinario. Occorre prestare particolare attenzione se si tratta di cuccioli perché tendono a disidratarsi in poco tempo rischiando anche la morte.

 

La diagnosi del veterinario

Il veterinario quando deve valutare la causa e le cure di una diarrea cronica nel gatto procede con una serie di esami di base. A seconda degli esiti può stabilire se ci siano malattie del fegato, nefropatie, ipertiroidismo e segni di linfoma.

Inoltre può richiedere anche il test FIV e FeLV: anche se l'esito non conferma le specifiche malattie, ma può fornire una valida indicazione se sono presenti altre affezioni.

Se il gatto presenta una diarrea cronica o acuta può essere necessaria un'indagine diagnostica più completa.

Se la diarrea nel gatto invece non è particolarmente grave, può essere curata con una semplice cura di supporto senza l'utilizzo di farmaci ed esami specifici.

 

Cure per la diarrea del gatto

Nei casi di diarrea ostinata che perdura per parecchio tempo, oltre le due o tre settimane, occorre determinare la causa primaria così da capire quale possa essere la soluzione del problema.

Anche una particolare attenzione verso l'alimentazione di un gatto che ha la diarrea è utile e fondamentale. Il veterinario potrebbe consigliare il digiuno per 24-48 ore e la somministrazione continua di acqua.

Si può dare al gatto un'integrazione di acidi grassi omega-3, utile per il trattamento delle infiammazioni intestinali, inserendo nella sua alimentazione cibi ricchi di acidi grassi come salmone, trota, sgombro, acciuga.

Dare comunque dei fermenti lattici può essere di aiuto, come l’ enterogermina, per almeno 6 giorni, una fialetta al giorno in due volte.

Se comunque dopo aver cambiato la dieta e somministrato dei fermenti gli episodi di diarrea non passano, la causa potrebbe essere un batterio o un parassita che non si riesce a debellare anche con l'antibiotico.

 

Libri consigliati

  • Il cucciolo di gatto

    Il vostro adorato gattino vi distrugge la casa, si fa le unghie sul divano e fracassa i ninnoli?
  • Gattoterapia

    La storia racconta la vita di Lorenzo, un pubblicitario insicuro ed incerto, sia nella vita professionale che in quella privata.
  • Il linguaggio del gatto

    Convivere con il gatto dà sempre notevoli gratificazioni: di natura affettuoso ma non invadente, cerca la compagnia del padrone pur mantenendo la propria indipendenza.
  • 101 ricette da preparare al tuo gatto

    È arrivata l'ora di gettare definitivamente nel cestino le noiosissime scatolette e i fastidiosi croccantini.
 

Lascia un commento