Primo soccorso in caso di puntura di insetti e morso di vipere

Il gatto è un animale predatore per natura. Non gli sfugge niente tantomeno un insetto che gli vola sul naso o che si muove indisturbato nei paraggi. Con l’arrivo della primavera possono essere quindi punti da una vespa, un’ape, un tafano, un calabrone o da ragni e nella stagione estiva anche da vipere. Vedi Il gatto e la caccia.

 

Come capire se il gatto è stato punto da insetto

Di solito ci si accorge che il gatto è stato punto da un insetto dopo qualche tempo, quando cioè si vede apparire il gonfiore nella zona trafitta ad esempio da un’ape. Questo gonfiore è la reazione allergica alla puntura o alla morsicatura dell’insetto e di solito non comporta forte dolore e neanche conseguenze. In alcuni casi il gatto può miagolare e può grattarsi e strofinarsi per cercare sollievo. Per questo la parte colpita potrebbe gonfiarsi ed arrossarsi.

 

Cosa fare in caso di puntura d’ape o vespa

Quando la puntura di una vespa è visibile è consigliabile cercare di togliere con cautela il pungiglione con una pinzetta per evitare che si inietti ulteriore veleno. Si può applicare sulla zona colpita una borsa del ghiaccio per limitare il gonfiore e medicare poi con acqua ossigenata o una soluzione tiepida di bicarbonato di sodio. In genere dopo poco tempo guarisce da solo altrimenti è consigliabile andare dal veterinario che procederà con la somministrazione di cortisone. Nel caso sia stato punto in bocca è necessario andare immediatamente dal veterinario perché potrebbe rischiare il soffocamento. Durante il tragitto per lenire il gonfiore si può mettere in bocca un cubetto di ghiaccio. Le punture di vespa si possono trattare anche con aceto.

 

Quando preoccuparsi

Bisogna allarmarsi se il gatto mostra una difficoltà respiratoria e febbre. In questo caso occorre andare subito dal veterinario per limitare il rischio di shock anafilattico o di soffocamento. Lo shock anafilattico è provocato da una reazione allergica più o meno grave in risposta ad una proteina estranea o ad altra sostanza, ad esempio farmaci o saliva di insetto.

Sintomi di shock anafilattico

I sintomi di shock anafilattico in genere si verificano entro poco tempo e si manifestano con:

  • gonfiore e prurito,
  • difficoltà respiratoria,
  • alta frequenza del battito cardiaco,
  • vomito,
  • gengive pallide,
  • convulsioni,
  • collasso,
  • vomito.

È importante andare subito dal veterinario.

 

Morso di vipera

Gatto morso da vipera

È piuttosto raro che un gatto venga morso da una vipera, ma in alcuni casi potrebbe accadere soprattutto se il gatto vive in campagna. Di solito le parti colpite dalla morsicatura sono il muso e le zampe. La zona diventa tumefatta, calda e dolente.

Sintomi del morso di vipera

  • depressione,
  • indebolimento del cuore,
  • respirazione affannata,
  • forte sete
  • convulsioni.

Cosa fare in caso di morso di vipera

In caso di morsicatura di una vipera occorre intervenire subito. Una volta localizzato il morso si deve cercare di ridurre l’assorbimento del veleno. Conoscendo il carattere del gatto, occorre prima di tutto immobilizzarlo e praticare una piccola incisione nel tessuto in corrispondenza della zona colpita. Spremere a fondo provocando abbondante fuoriuscita di sangue e lavare tutto con acqua. Il gatto sarà ovviamente terrorizzato ma si tratta di un intervento di emergenza che va fatto subito. Onde evitare la diffusione del veleno nell’organismo occorre applicare un laccio, ad esempio la stringa di una scarpa, al di sopra del punto morsicato. La terapia più indicata ovviamente richiede una puntura endovenosa o sottocutanea di siero antivipera. Se il gatto è solito frequentare zone infestate da vipere è consigliabile tenerne sempre a disposizione una fiala, dietro consulto veterinario. Quest’ultimo saprà anche indicare la dose giusta. Si deve ricordare che la prontezza dell’intervento condiziona il risultato. L’azione del veleno della vipera è rapido per questo occorre agire con tempestività direttamente sul posto.

 

Libri consigliati

  • L'alfabeto del gatto

    Parliamo lingue diverse, ma non è detto che non ci possiamo comprendere.
  • Il gatto

    Macchie di pipì sul tappeto. Graffi sui mobili. Topi morti sulla porta di casa. Peli sui vostri vestiti preferiti...
  • Cat detective

    "Non pretendo di aver capito tutto dei gatti, anzi, la mia conoscenza rende evidente quanto poco in realtà noi tutti sappiamo.
  • Cat confidential

    "I gattofili adorano parlare dei loro gatti. Hanno la casa piena di foto, libri, calendari, tovagliette da tè e bigiotteria ispirati ai loro amati felini.
 

Lascia un commento

Ho la mia gatta che ha un gonfiore come una noce affianco al sederino,ce anche come una sbucciatura ho paura nel caso labbia morso qualcosa e come se fosse senza forze fa fatica a saltare i venti cm...e si mette a dormire cosa sara?