Nel linguaggio comune si definisce sterilizzazione  per la gatta e castrazione per il maschio l'operazione chirurgica che li rende sterili. In realtà entrambe le operazioni sono definibili come sterilizzazione proprio perché la finalità è la stessa. Nel caso della femmina il termine medico è "ovariectomia". È importante sapere perché e quando sterilizzare il gatto e cosa comporta l'operazione. Di seguito utili consigli per affrontare al meglio l'operazione e il post-operatorio.

  • Castrazione

    Mentre le gatte femmine vengono sterilizzate, i maschi possono essere castrati onde evitare il proliferare di colonie feline randagie o comunque altre...
  • Sterilizzazione

    L'intervento di sterilizzazione della gatta femmina si chiama "ovariectomia", ossia asportazione delle ovaie mediante incisione nell’addome...

 

Libri consigliati

  • Il carattere del gatto

    Il gatto: un dio per gli antichi egizi, una maledizione per i cristiani superstiziosi del Medioevo, un compagno di meditazione per filosofi come Cartesio e Voltaire, un simbolo di mistero per maghi
  • Trilli. Riflessioni di una gatta in degenza

    Il libro racconta la storia di una micia, di nome Trilli, ricoverata in degenza nel mio ambulatorio per diverse settimane poiché aveva subìto un brutto incidente.
  • Enciclopedia del gatto

    Per chi vuole conoscere tutto quel che c'è da sapere sull'universo felino, ecco il primo libro che non è solo un repertorio di splendide immagini fotografiche, ma è una vera guida pratica
  • Kant il gatto

    La filosofia è una cosa troppo seria per essere presa davvero sul serio. L'autore di questo libro è un pigro, colto, saggio, grasso gatto, servito, riverito e adorato dalla sua Zitella.
 

Lascia un commento

Salve, io ho due gattine a casa che fino a qualche giorno fa si adoravano ed erano inseparabili, ma adesso l´amicizia sembra finita: Due giorni fa ho portato la micia più piccola ad essere sterilizzata perchè ormai era ora, e mentre durante la sua assenza l´altra piangeva e la cercava, adesso non la riconosce più ed anche se non l`attacca di proposito, le soffia e la scaccia ogni volta che le si avvicina. La piccola la cerca, vuole giocare e prova a leccarla, ma la sorella grande non vuole saperne. vedere la confusione nel musetto della piccola, per la quale nulla è cambiato, mi riempie di tristezza. È normale tutto questo? Potranno essere di nuovo amiche? Avete consigli per me?

Grazie,

Antonio