Cura, igiene e controllo degli occhi del gatto

Il colore e la forma degli occhi del gatto variano a seconda della razza alla quale l’animale appartiene. La tavolozza dei colori degli occhi dei gatti comprende: il verde, il nocciola, il giallo, il dorato, l’arancio, l’ambra, il blu, l’azzurro, il rame, in ogni loro sfumatura. In genere il colore degli occhi di un gatto di razza deve essere in armonia con la tinta del mantello. Esistono dei gatti con occhi “dispari”, cioè di colore diverso l’uno dall’altro. La loro forma invece può variare. Possono essere occhi tondi, tondeggianti, a mandorla, orientaleggianti, grandi, prominenti, ovali, ma sempre sporgenti. Proprio per questo sono soggetti a lesioni e infezioni anche virali. A volte vengono sottovalutati i cambiamenti negli occhi dei gatti non considerando che possono essere sintomo di un disturbo anche importante. Vedi Malattie degli occhi.

 

Problemi degli occhi del gatto

L’occhio del gatto si può ammalare a causa di polvere, di un colpo di freddo, di corpi estranei, di lesioni, per cui possono esserci congiuntiviti, ulcere alla cornea, cataratte. Proprio per questi motivi il padrone deve esaminare spesso l’occhio del gatto. Qualsiasi tipo di alterazione anche minima non va ignorata ma andrebbe segnalata al proprio veterinario. Spesso gli occhi rispecchiano mutamenti in altre parti del corpo soprattutto nel sistema cardiovasacolare. I disturbi negli occhi dei gatti sono tra i più facili da riconoscere. È cosigliabile consultare subito il veterinario se si notano opacità, se diventano sporgenti o affossati, se ci sono secrezioni giallo-verdi, se cala improvvisamente la vista, se si presentano arrossamenti, gonfiori o dolore. Vedi Come curare un gatto malato.

Eccessiva produzione di muco

Può essere sintomo di infezione o irritazione anche da polline. Se la secrezione è giallo-verdastra è chiaramente un’infezione.

Eccessiva lacrimazione

Se gli occhi del gatto lacrimano in modo eccessivo potrebbe esserci una congiuntivite in corso. Con l’infiammazione in atto il gatto si strofina gli occhi, rifugge dalla luce viva, ha bruciori e prurito e la lacrimazione è continua. Le forma lievi di congiuntivite guariscono da sole nel giro di due giorni, ma se il disturbo continua occorre consultare il veterinario.

Macchie color mogano

Se si notano delle macchie di color mogano intorno agli occhi sono segno di una lacrimazione eccessiva. Si deve in questo caso cercare di rimuovere l’eccesso di lacrime usando un batuffolo di cotone imbevuto con una soluzione salina o con acqua tipieda.

Palpebre gonfie

Un gatto con le palpebre gonfie presenta una forma di reazione allergica. É il veterinario a identificare a cosa il gatto sia allergico. Allergie ed infezioni provocano infiammazioni.

Velo grigio-blu sugli occhi

Se la pupilla del gatto è velata di grigio-blu ci sono problemi alla cornea. La cataratta è invece la perdita di trasparenza nel cristallino dell’occhio. Le cause più frequenti sono lesioni e diabete. I gatti che hanno superato gli otto anni sono più soggetti a questa malattia.

Occhi socchiusi

Il gatto con gli occhi socchiusi o che dimostra difficoltà a tenerli ben aperti dimostra chiaramente uno stato di dolore o una ferita.

Occhi allargati

Se l’occhio del gatto sii presenta allargato probabilmente c’è un aumento di pressione oculare e un glaucoma, mentre se le pupille hanno dimensioni diverse una dall’altra allora è meglio chiamare subito il veterinario.

 

Come pulire gli occhi al gatto

Collirio per gatti

Dopo aver escluso una specifica malattia agli occhi del gatto, che va curata dal veterinario, si può procedere di tanto in tanto alla pulizia dei suoi occhi. Qualora non siano puliti si può passare sopra un batuffolo di cotone imbevuto di acqua tiepida o acqua borica in soluzione seguendo la direzione dell’occhio verso il naso. È meglio non usare lo stesso batuffolo per tutti e due gli occhi. Se si riscontrano difficoltà nel somministrare ad esempio il collirio negli occhi del gatto ci si può avvicinare da dietro così che non se ne accorga. Innazitutto occorre utilizzare sempre acqua tiepida. Oltre alle soluzioni saline, si possono utilizzare anche prodotti naturali come camomilla, malva fredda, collirio omeopatico Euphralia o tintura madre di echinacea.

 

Libri consigliati

  • Gattoterapia. Gli esercizi

    La presenza di un gatto in famiglia non è importante solo per il benefico influsso di un pezzetto di natura selvaggia (o quasi) in casa, per contrastare lo stress o far crescere i bambini in modo p
  • Gatti

    Dopo un'introduzione storica, dall'evoluzione del gatto alla sua rappresentazione nella cultura e nell'immaginario collettivo umano, la guida si divide in singole schede, ciascuna dedicata
  • Enciclopedia del gatto

    Per chi vuole conoscere tutto quel che c'è da sapere sull'universo felino, ecco il primo libro che non è solo un repertorio di splendide immagini fotografiche, ma è una vera guida pratica
  • Il linguaggio del gatto

    Convivere con il gatto dà sempre notevoli gratificazioni: di natura affettuoso ma non invadente, cerca la compagnia del padrone pur mantenendo la propria indipendenza.
 

Lascia un commento

Il mio gatto aveva gli occhi gialli da piccolo, al compiere un anno di vita gli sono diventati azzurri, ma di un azzurro bellissimo! E' normale?

aiuto ho mio micio ha un occhio semichiuso e lacrimante non so come aiutarlo

@candy: prova a pulire l occhio con del cotone imbevuto di acqua tiepida e osserva se c è un ascesso o qualcosa di strano. Se non noti niente ma è cisposo fai impacchi camomilla. Se nn migliora vai dal veterinario.

Buongiorno, il mio gatto si gratta con foga più volte al giorno e stamattina addirittura ho notato che usciva un pochino di sangue. Le ho pulito l’occhio semplicemente con un batuffolo d’acqua. Oggi ho comprato il tresaderm in gocce. Volevo sapere se può andare bene bagnare un batuffolo di cotone con 2 gocce e strofinarlo piano sull'occhio o se devo mettere le due gocce direttamente sulla cute. ho paura che possa bruciare a contatto diretto con l'occhio. Grazie

La mia gattina di 12 mesi ha avuto per alcuni giorni una forte lacrimazione agli occhi tanto da non riuscire ad aprirli. Fortunatamente sta un pò meglio, ma questa mattina ho notato un leggero gonfiore sul lato sinistro del suo nasino. Da cosa può essere provocato? è la conseguenza della lacrimazione o cos'altro? Grazie dell'aiuto

Ciao Stefania,
prova a controllare che non ci sia una puntura di qualche insetto e che non si gonfi eccessivamente.
Se ha gli occhietti ancora lacrimosi fai impacchi con camomilla che decongestiona e disinfiamma. Ovviamente non calda.
Se invece vedi che il nasino si gonfia, e la micia mostra dolore, portala dal veterinario, anche se suppongo in pochi giorni che tutto si sistemi. Auguroni!

Come si curano gli occhi chiusi di un gattino di 10 gg con la congiuntivite?grazie

Ciao Tiziana...
un micetto di 10 gg è proprio piccolo. L'hai fatto vedere da un veterinario?
Prima di usare prodotti medicinali è meglio che sia il veterinario a suggerirti il da farsi... Magari non è niente di che e può essere sufficiente pulirgli gli occhietti con semplici impacchi di camomilla...

Ciao volevo sapere qual'è il miglior collirio omeopatico x gatti, la mia micia è stata curata a causa di una forma acuta di herpes virus (purtroppo ci ha messo un po a guarire xkè è positiva alla leucemia felina), però l'occhio colpito continua ad avere una lacrimazione eccessiva.Sarebbe possibile darle sollievo? Ha solo nove mesi e nn poterla aiutare mi tormenta.....grazie