Nel linguaggio comune si definisce sterilizzazione  per la gatta e castrazione per il maschio l'operazione chirurgica che li rende sterili. In realtà entrambe le operazioni sono definibili come sterilizzazione proprio perché la finalità è la stessa. Nel caso della femmina il termine medico è "ovariectomia". È importante sapere perché e quando sterilizzare il gatto e cosa comporta l'operazione. Di seguito utili consigli per affrontare al meglio l'operazione e il post-operatorio.

  • Castrazione

    Mentre le gatte femmine vengono sterilizzate, i maschi possono essere castrati onde evitare il proliferare di colonie feline randagie o comunque altre...
  • Sterilizzazione

    L'intervento di sterilizzazione della gatta femmina si chiama "ovariectomia", ossia asportazione delle ovaie mediante incisione nell’addome...

 

Libri consigliati

  • Lo zen del gatto

    Dove troviamo la nostra dose quotidiana di meditazione, rilassamento, natura e saggezza? Nei gatti!
  • Gattoterapia

    La storia racconta la vita di Lorenzo, un pubblicitario insicuro ed incerto, sia nella vita professionale che in quella privata.
  • Il cucciolo di gatto

    Il vostro adorato gattino vi distrugge la casa, si fa le unghie sul divano e fracassa i ninnoli?
  • 1001 cose da sapere e da fare con il tuo gatto

    Intelligente? Curioso? Indipendente? Affettuoso? Come descrivere il gatto, un animale che accompagna gli esseri umani dalla notte dei tempi, ma che, forse, non è stato ancora pienamente compreso?
 

Lascia un commento

Salve, io ho due gattine a casa che fino a qualche giorno fa si adoravano ed erano inseparabili, ma adesso l´amicizia sembra finita: Due giorni fa ho portato la micia più piccola ad essere sterilizzata perchè ormai era ora, e mentre durante la sua assenza l´altra piangeva e la cercava, adesso non la riconosce più ed anche se non l`attacca di proposito, le soffia e la scaccia ogni volta che le si avvicina. La piccola la cerca, vuole giocare e prova a leccarla, ma la sorella grande non vuole saperne. vedere la confusione nel musetto della piccola, per la quale nulla è cambiato, mi riempie di tristezza. È normale tutto questo? Potranno essere di nuovo amiche? Avete consigli per me?

Grazie,

Antonio