Abilissimo cacciatore il gatto non si lascia sfuggire nulla che si muove
 

Le tattiche di caccia

I gatti preferiscono cacciare all’alba o al tramonto quando la luce del sole è debole, ma molto dipende anche dalle condizioni climatiche. Se fa molto caldo e umido il gatto deciderà di concentrare le sue battute di caccia di notte, mentre se fa freddo durante il giorno. La strategia preferita consiste nel sedersi accanto al luogo di passaggio di una probabile preda e aspettare. Quando la preda compare il gatto la afferra con gli artigli. I gatti affamati o quelli più abili inseguono, catturano e uccidono le loro prede.

Gatti randagi

I gatti randagi sono i cacciatori più bravi, con soli tre tentativi riescono a bloccare la preda, mentre un gatto più impacciato impiega circa due ore per prendere ed uccidere un roditore. I gatti di casa, ben nutriti, in genere hanno successo al dodicesimo tentativo.

La caccia del gatto di casa

Mentre il randagio divora subito la sua preda, il gatto di casa può mangiarne solo una parte e riporre il resto “in dispensa”. Spesso amano portare a casa al padrone i resti della caccia come fossero trofei. Le tecniche della caccia vengono insegnate dalla madre ai cuccioli fin dalla loro nascita. I giochi dei gattini simulano infatti le lotte.

 

Quali prede caccia un gatto

Il gatto e la caccia

Pur essendo molto esigenti sul cibo i gatti domestici sono in realtà cacciatori scaltri che uccidono e spesso mangiano una vasta gamma di prede, dai ragni ai calabroni, dalle cavallette agli uccelli, dai topi ai conigli. Le rane vengono catturate e uccise ma quasi mai mangiate. I gatti affamati, ma soprattutto i randagi, frugano anche tra i rifiuti alla ricerca di avanzi di cibo.

Caccia agli uccellini

Il gatto cacciatore di uccellini usa una copertura naturale per nascondersi come i cespugli o l’erba alta. L’avvicinamento è lento e studiato, avviene a zampe flesse con l’addome che striscia sul terreno con quel movimento tipico che viene definito “gattonare”. Quatto quatto prosegue per avvicinarsi alla preda e quando abbastanza vicino scatta in modo fulmineo. Non tutti i colpi vanno a buon fine ma il gatto persevera fino a quando non ha raggiunto il suo obiettivo.

Tutto ciò che vola o striscia

Oltre agli uccellini per il gatto è uno spasso dare la caccia a ogni tipo di insetto volante o no. Ama saltare ed afferrarlo al volo. Se solo tramortito potrà dargli il colpo finale con una zampata oppure mangiarlo ancora semivivo o portarlo tutto fiero in caso vicino alla ciotola del cibo. Spesso però anche l'insetto pùo essere più furbo e pungere il cacciatore.  Anche le vipere possono rappresentare un pericolo per il gatto che vive soprattutto in campagna o montagna. Vedi Cosa fare in caso di punture di insetto o morso di vipera.

Lucertole, velenose?

Sono ben gradite anche le lucertole anche se pare abbiano un sapore amaro oltre che essere lievemente tossiche. Non è del tutto dimostrata la tossicità della lucertola per il gatto, anche se può capitare che mangiandone più di una possa vomitare. Ci sono più che altro leggende metropolitane legate alle lucertole. Secondo alcuni le lucertole indeboliscono il gatto tanto da portarlo al deperimento e alla perdita di pelo. Altri invece sostengono che la pella della lucertola sia tossica e che se ingerita provochi danni al sistema digestivo del gatto. La soluzione migliore è controllare eventualmente che non ne mangi troppe! Non sarà facile portargliele via anche perché spesso la lucertola si spezza in due, la coda continua a muoversi mentre il resto del corpo scappa via. Per questo il gatto si diverte a cacciarle!

Il topo, preda più ambita

La storia delle origini del gatto insegna che i topi sono le prede più ambite dal gatto. Un gatto in buone condizioni fisiche secondo alcune indagini statistiche può eliminare in un anno da quattromila a seimila topi. È stato infatti "usato" in passato proprio come derattizzatore sulle navi, nei conventi e in ogni luogo infestato da roditori.

 

Perché il gatto di casa ama cacciare

II gatto domestico in genere caccia per hobby, per il divertimento innato di inseguire, catturare ed uccidere, solitamente non per fame. La fame e l’istinto della caccia sono controllati da due parti distinte del cervello. Se un gatto vede un topo interrompe il pasto, lascia anche il suo cibo preferito e si mette a inseguirlo. A volte gioca con la preda, facendola saltare in aria come fosse un giochino qualsiasi. Il gatto affamato invece uccide con un morso netto grazie ai suoi canini dalla forma perfetta per entrare tra le vertebre del collo di un topo e recidere il midollo spinale. Il topo muore nel giro di poco tempo per lo shock.

 

Cosa fare se porta una preda in casa

Se il gatto vive in semilibertà non ci si deve stupire se rientrando a casa si trovano corpi di animali morti o piume in giro. Il gatto ha portato a casa, la sua tana, la preda, il trofeo! Non bisogna sgridarlo perché è la sua natura. Anzi, il gesto è come una sorta di regalo e di ringraziamento per il proprio padrone. Poi, se si vede un uccellino agonizzante lanciato in aria come fosse uno straccio, allora possiamo cercare di rendergli la vita, o quel che resta, meno difficile, cercando di liberarlo dalle grinfie del gatto. Non si deve rimanere neanche schifati se si trovano avanzi di topi o di altri animali come zampette di cavallette in giro per casa, il gatto ha mangiato il resto, e se non fosse per il pericolo di avvelenamento, nel caso di topo che abbia mangiato del topicida, o il rischio di farsi venire i vermi, mangiando carne cruda, lasciamo fare! Il gatto è predatore ed è carnivoro.

 

Libri consigliati

  • 101 ricette da preparare al tuo gatto

    È arrivata l'ora di gettare definitivamente nel cestino le noiosissime scatolette e i fastidiosi croccantini.
  • Enciclopedia del gatto

    Per chi vuole conoscere tutto quel che c'è da sapere sull'universo felino, ecco il primo libro che non è solo un repertorio di splendide immagini fotografiche, ma è una vera guida pratica
  • La gatta che amava le acciughe

    Quando i gatti finiscono in prima pagina, di solito sono protagonisti delle avventure più incredibili.
  • Gattoterapia

    La storia racconta la vita di Lorenzo, un pubblicitario insicuro ed incerto, sia nella vita professionale che in quella privata.
 

Lascia un commento

I gatti possono mangiare tutti i legumi? Quale deve essere la quantità?
Quali tipi di cereali e farine si possono usare e In quale quantità?
La cipolla e l'aglio in piccolissime quantità, cotti nei ragù sono ugualmente tossici?
Le alici si possono dare?
Grazie

Il mio gatto non uccide le sue prede, le porta in casa vive e le libera, quindi mi trovo ratti, lucertole e uccellini di cui anche merli che girano per casa... al momento è detenuto in casa come un gatto da appartamento... ma visto che ho un giardino, non c'è nessun addestramento possibile da mettere in pratica per evitare che porti VIVE in casa le sue prede?