Provato per voi. Il nuovo Crazy Catcafè a Milano

Ottobre 2015 apre anche a Milano il caffè per gatti e gattofili. Il locale si trova in zona Stazione Centrale e nei primi giorni di apertura ha visto un grande successo di pubblico tanto che i clienti pazientemente in coda sono stati fatti entrare in modo graduale e con la regola di non stare nel bar per più di mezz’ora così da dare la possibilità a tutti di entrare. Vedi anche Il primo bar per gatti a Roma.

 

Architettura a regola di gatto

Tiragraffi sulle pareti del Crazy Catcafè

Crazy Cat cafè è uno spazio studiato a regola d’arte per consentire di dare agli ospiti felini il massimo del comfort. Lungo le pareti verdi pensili e tronchi d’albero sono a disposizione dei mici per giocare e riservarsi uno spazio per "controllare" la situazione dall’alto e non mancano tiragraffi appesi al muro. I veri protagonisti sono i gatti, Freddie, Patti, Bowie, Nina, Elvis e Blondie che girano indisturbati intorno ai tavoli. Qualcuno dorme nella cuccia in vetrina, qualcun’altro si aggira alla ricerca di briciole, qualcun’altro invece gioca con una pallina, il tutto sotto lo sguardo incuriosito e affascinato dei clienti. Lo scopo del locale è quello di offrire un luogo per amanti dei gatti dove poter godere delle loro bizzarre azioni, delle loro fusa, dei loro lunghi sonni. Sarà allestita anche una bacheca dove poter pubblicare annunci per adozioni o comunicazioni. Inoltre i gestori collaborano con alcune associazioni tanto da devolvere 1 euro che ogni cliente paga per il coperto.

 

L'attenzione è tutta per loro

Crazy Catcafé

L’ambiente è silenzioso e curato in ogni dettaglio, le persone ai tavoli sono attratte dai mici che girano tra le gambe, qualcuno scatta qualche foto, senza flash, qualcun’altro cerca di attirare il gattino con una pallina, per ora l’attenzione è più che altro rivolta ai gatti più che a quello che si può ordinare.

 

Il menù del Crazy Catcafè

Parte delmenù del Crazy Catcafè

Anche il menù è molto particolare. La prima pagina è il regolamento. Infatti vigono norme molto rigide da rispettare, come il divieto di dar da mangiare ai gatti, o di prenderli in braccio. Si può pranzare o godersi semplicemente un te al pomeriggio. Anche gli ingredienti scelti per i piatti sono tutti di alta qualità e bio. All’uscita a disposizione ci sono spazzole togli pelo e detergente disinfettante.

 

Libri consigliati

  • Tira fuori la gatta che è in te

    Bellissimo libro per donne che si sentono feline o ancora non sanno di esserlo.
  • Il gatto. Se lo conosci lo educhi

    Alice Ki accompagna il lettore alla scoperta di quest'essere dall'irresistibile personalità, coinvolgendolo in un percorso "iniziatico" con una profusione di consigli e considerazioni dettate dalla
  • 101 ricette da preparare al tuo gatto

    È arrivata l'ora di gettare definitivamente nel cestino le noiosissime scatolette e i fastidiosi croccantini.
  • La bibbia del gatto

    Dopo "Cat detective" e "Cut confidential", in questo nuovo manuale Vicky Halls fornisce informazioni utili a tutti coloro che decidono di intraprendere una sana, allegra e proficua conviven
 

Lascia un commento