Si chiama Troop Cat Ed, è il primo “gatto poliziotto” al mondo

Ed è una nuova recluta della Sydney Mounted Division, in Australia. Il suo compito è quello di cacciare non topi di appartamento, ma bensì topi veri che popolano le stalle della caserma.

Il micione dal pelo rosso in pochi mesi è diventata una vera star del web tanto da avere una fan page tutta sua. Il sergente Kyilie Riddell si dichiara molto soddisfatto di questo nuovo “agente” scattante, agile, silenzioso ed economico. La ricompensa è quantificata infatti in una bella ciotola di croccantini ed ore di sonno indisturbato, circa sedici al giorno, nel fienile insieme ai cavalli.

Il gatto poliziotto quando è al lavoro si apposta negli angoli più nascosti delle stalle e resta così per ore in attesa di catturare il malcapitato topo. Una volta catturata la preda Ed non esita a mostrarla in modo fiero ed orgoglioso ai colleghi agenti, portandola in ufficio.

Ed è il primo gatto poliziotto, anche se qualche mese fa una bimba inglese di cinque anni si era rivolta al comando di polizia suggerendo l’assunzione proprio dei gatti come aiutanti poliziotti insieme ai cani. I gatti sono abili nel trovare le strade, nel muoversi in modo silenzioso, nell’avvertire pericoli. La polizia del Regno Unito a seguito di questa lettera si era impegnata a prendere in considerazione il suggerimento della piccola Eliza Adamson-Hopper.

 

Libri consigliati

  • Il mio gatto, io e il senso della vita

    "Il mio gatto ha una qualità particolare: è un gatto tigrato, carino da disegnare, un gatto che somiglia stranamente... be', a nessun altro gatto. Come tutti i gatti, è unico.
  • Il libro dei gatti tuttofare

    T. S: Eliot dipinge gli esseri umani, in questi ritratti bizzarri di gatti e caratteri gatteschi.
  • Trilli. Riflessioni di una gatta in degenza

    Il libro racconta la storia di una micia, di nome Trilli, ricoverata in degenza nel mio ambulatorio per diverse settimane poiché aveva subìto un brutto incidente.
  • L'alfabeto del gatto

    Parliamo lingue diverse, ma non è detto che non ci possiamo comprendere.
 

Lascia un commento