Lo shock è uno stato di pericolo che si verifica quando l’organismo risponde alle variazioni del flusso sanguigno. Queste alterazioni circolatorie possono avere carie cause, tra cui le emorragie interne od esterne. Un gatto può sembrare indenne dopo un incidente e magari morire poche ore dopo per uno stato di shock non curato. Per questo è importante far sempre visitare da un veterinario l’animale dopo un qualsiasi incidente, puntura di insetto o alterazioni nel comportamento.

 

Sintomi dello stato di shock

I sintomi dello stato di shock nei gatti variano a seconda che sia in stato iniziale o avanzato.

Si è di fronte ad uno stato di shock iniziale se:

  • la respirazione è accellerata
  • il battito è accellerato
  • le gengive sono pallide
  • il gatto mostra ansia e agitazione
  • la temperatura è inalterata

Si è di fronte ad uno stato di shock avanzato se:

  • la respirazione è lenta e irregolare
  • il battito è irregolare
  • le gengive sono bianche o cianotiche
  • mostra debolezza o incoscienza
  • la temperatura è troppo bassa
 

Cause di uno stato di shock o di un trauma nel gatto

Le cause principali che identificano lo stato di shock del gatto sono:

  • reazioni allergiche gravi (shock anafilattico)
  • cadute, infortuni
  • annegamento
  • emorragie interne o esterne
  • ipotermia
 

Shock anafilattico

Lo shock anafilattico è una forma molto grave di reazione allergica ad una puntura di insetto, ad un farmaco o ad altre sostanze estranee.

Sintomi dello shock anafilattico

La reazione è immediata e si presenta con:

  • gonfiore
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • irrequietezza
  • tende a grattarsi il muso e la testa
  • è debole
  • fa fatica a respirare
  • a volte può subentrare il collasso.
 

Cosa fare con un gatto in stato di shock

Come praticare un massaggio cardiaco al gatto

È importante non dargli da mangiare o da bere. Far sdraiare il gatto su di un fianco con la testa allungata oppure sollevare la parte posteriore per far fluire il sangue alla testa, quindi portarlo da un veterinario. Se necessario si deve praticare un massaggio cardiaco.

Come praticare un massaggio cardiaco

Attenzione: fare il massaggio cardiaco SOLO se il cuore del gatto non batte. Quando il cuore si ferma gli occhi si dilatano, manca il battito e le gengive sono bianche o cianotiche. Il massaggio cardiaco si fa sempre insieme alla respirazione artificiale. Non cercare di essere troppo delicati perchè il massaggio deve essere fatto con pressioni decise.
Si deve mettere il gatto su di un fianco quindi afferrare il torace al di sotto dei gomiti con le dita da un lato e il pollice dall’altro quindi scuoterlo con decisione comprimendo la gabbia toracica e contemporaneamente muovendo le dita verso il collo. Ripetere i pompaggi rapidi e decisi circa 120 volte al minuto, poi si si deve fermare ogni 15 secondi e procedere con la respirazione artificiale per 10 secondi.

È importante praticare il massaggio cardiaco in almeno uno di questi casi:

  • insufficienza cardiaca
  • scampato annegamento
  • inalazione di fumo
  • shock grave
  • scarica elettrica
  • commozione cerebrale
  • forte emorragia

Come fare la respirazione artificiale

Se si notano le gengive rosa significa che il gatto sta respirando e i polmoni ricevono ossigeno. Se invece le gengive sono cianotiche o bianche occorre fare la respirazione artificiale anche il battito del cuore sembra normale. Si deve mettere un tessuto davanti alle narici del micio per vedere se respira quindi farlo sdraiare su un fianco, togliere eventuali residui ed estrarre la lingua. Chiudere naso e bocca con la propria bocca. Soffiare finchè si gonfia il torace quindi lasciare libera a bocca, i polmoni si sgonfieranno in modo naturale. Ripetere la procedura 12/20 volte al minuto e controllare il battito ogni 15 secondi.

Come intervenire nel caso di emorragia

Anche le emorragie possono essere causa di stato di shock nel gatto soprattutto se prolungata. È importante intervenire premendo con un materiale pulito ed assorbente, meglio usare delle garze o del cotone perchè la stoffa può restare attaccata alla ferita. Se possibile tenere la zona che sanguina al di sopra del cuore ma fare attenzione a non muovere una zampa se fratturata. Portare subito il gatto dal veterinario.

 

Libri consigliati

  • Gatto sano e felice con i rimedi naturali

    I gatti sono da sempre ottimi erboristi ed è per questo che il modo migliore per curarli passa attraverso le erbe e le medicine dolci.
  • Kant il gatto

    La filosofia è una cosa troppo seria per essere presa davvero sul serio. L'autore di questo libro è un pigro, colto, saggio, grasso gatto, servito, riverito e adorato dalla sua Zitella.
  • La bibbia del gatto

    Dopo "Cat detective" e "Cut confidential", in questo nuovo manuale Vicky Halls fornisce informazioni utili a tutti coloro che decidono di intraprendere una sana, allegra e proficua conviven
  • Il cucciolo di gatto

    Il vostro adorato gattino vi distrugge la casa, si fa le unghie sul divano e fracassa i ninnoli?
 

Lascia un commento

può la punta della coda di un gatto cambiare colore e diventare bianca a seguito di un grosso spavento?

Ciao Melinda,
Non ci risulta proprio. È la prima volta che sentiamo di un evento simile. Vediamo se qualche altro lettore ha notato la stessa cosa!
Ciao

Buonasera, ieri pomeriggio ho soccorso una gatta, nel giardino condominiale. che mi sembrava essere in stato di shock molto forte. Si e'. Fatta portare a casa in uno scatolone senza problemi. Poi in bagno si è rifugiata sotto il piatto doccia che e' cavo. Non ha mangiato, ne bevuto, ne fatto i bisogni da prima che la portassi su casa. Le abbiamo messo a disposizione ogni tipo di cibo anche triturato caso mai avesse lesioni alla bocca. Vorrei portarla dal veterinario ma non so con farla uscire di la. Avete consigli da darmi per favore? Non vorrei traumatizzarla ulteriormente....grazie.
Barbara

Ciao Barbara, ci auguriamo che la situazione da ieri a oggi sia cambiata, in caso contrario lasciatela tranquilla senza forzarla e prima o poi uscirà da sola.

Facci sapere, ciao!

Buonasera, questa sera il mio gatto si è sporcato la zampetta con i suoi bisognini e ho tentato di pulirlo per evitare che li spargesse in giro per casa, dopo averci provato però lui, spaventato, si è disteso a terra immobile, ha il respiro affannoso e il battito leggermente accelerato, le pupille dilatate...io credo che sia perché si sia stressato un po' mentre lo tenevo in braccio per pulirgli la zampa, tuttavia sono un po' preoccupata. Me lo sono messo vicino e sto cercando di tranquillizzarlo carezzandolo, ma non sembra calmarsi...come posso fare?

Antonia, ma cosa gli avrai mai fatto di così traumatico? Come l hai pulito?
Se non si calma chiama il veterinario! Non forzarlo a stare in braccio se non vuole. I gatti se spaventati tendono a nascondersi per tranquillizzarsi. Facci sapere

Il nostro gatto, cinque mesi, l'altro giorno scendendo dal letto, improvvisamente si è accasciato, battendo sul pavimento con la tempia. Ha preso una tale commozione celebrale che abbiamo dovuto fare una respirazione artificiale immediata e ripreso a respirare semi incosciente ha mantenuto un respiro folle, spesso perdeva i sensi. Una cosa terribile. Siamo andati immediatamente dal veterinario e abbiamo dovuto tenerlo li in terapia intensiva per quasi 24h e a rischio morte.
Ci siamo rimasti di sasso, è stata una cosa orribile.
Ti aspetti si che un animale sia non certo di una resistenza pari alla nostra ma ancora non ci spieghiamo come mai si sia buttato di peso a terra quel giorno. Ora è a casa, anche se ancora mangia davvero poco, credo per le vertigini e penso abbia un po' male a masticare. Questa sera provo a rompere le crocchette e a dargliele nello stato più piccolo possibile. Qualcuno ha consigli per farlo mangiare e aiutarlo?

Ho recuperato prima si natale una gattina di 4 mesi (approssimativamente) sembra essere un balinese e sembra, che fosse lì con la mamma da un po', nascosta in un cespuglio tra la spazzatura, la mamma era dolce e domestica qualcuna l'ha portata via e la piccolina è rimasta sola, faceva freddissimo e dopo alcune settimane di tentativi di avvicinamento ho optato per l'utilizzo di una gabbia trappola.
Il veterinario ha detto che è sanissima, appena l'ho portata a casa però è scoppiata la guerra mi ha aggredito il braccio, che imprudentemente ho infilato nel trasportino per prenderla in braccio, è scappata arrampicandosi ovunque e facendosi praticamente la pipi addosso, dopo averla ripresa con fatica e dolore (mi ha azzannato anche un dito forandomi l'unghia) l'ho posizionata nello studio, l'accudisco evito rumori forti , movimenti bruschi e qualunque cosa possa turbarla, ha giochini e tiraunghie e anche angoli confortevoli dove sonnecchiare ma non sono ancora riuscita a farle una carezza, ho dovuto comprare un prodotto apposito (korrector) che le somministro nel cibo con mooolta parsimonia ma costantemente, l'ho sverminata ed ora siamo ai ferormoni nel diffusore, è meno agitata si muove quando sono presente senza mai avvicinarsi più dell'indispensabile, ha capito che io le porto cibo e acqua e ormai quando si sposta la coda non è più piegata sul sedere e sotto la pancia ma distesa in linea col corpo (lo so non è ancora la posizione che indica felicità ma è già qualcosa).
Ha imparato subito a usare la lettiera ma io non so più che fare, non ho mai avuto questi problemi con i miei animali ma tempo fa ho dovuto regalare la mia gattona perché ero diventata allergica, ora vorrei tenere con me la piccola Cecilie ma se non si calma come posso capire se sono ancora allergica? Potrei essere guarita ma non riesco a capirlo, posto che se dovessi esserecostretta a ricollocarla sarebbe un dispiacere come faccio a dire ad una persona di prendere in carico un animale così difficile...
Non sono in grado di stabilire quali e quanti traumi ha avuto ma ci sono momenti in cui mi scorggio...

Buongiorno Angela, qualcosa mi sfugge...
perché mai ha dovuto prendere un gatto in casa con il dubbio che debba poi liberarsene?
Doppio trauma x lui. Non poteva chiedere da subito al veterinario o a qualcuno di adottarlo? Ci sono strutture che se ne possono occupare... pensi allo shock di questo micino se dopo tutte queste difficoltà deve pure cambiare casa...

Salve, la mia gatta deve aver avuto un trauma perché ha la bocca un po' sporca di sangue, non mangia e non beve, si muove a fatica, due giorni fa zoppicava, ora non più, ma si muove con fatica, le ho dato un po' di latte con la siringa e l'ha ricevuto volentieri. Si fa tastare in ogni punto del corpo senza mostrare sofferenza ma ha le pupille molto dilatate.

@Massimo: scusa Massimo, ma perché mai hai dato il latte alla gatta? L'unica cosa giusta che devi fare è portarla dal veterinario per ricevere le cure giuste e capire cosa le sia successo. Il latte no.

salve, il mio gatto è stato attaccato da un cane in giardino due giorni fa. L’avevo dato per morto invece oggi l’ho ritrovato nascosto sotto la scala. Non voleva farsi prendere, era evidentemente spaventato. ma sono riuscita a portarlo in casa . Sembra avere solo qualche graffio sul muso e l’occhio ammaccato, peró non mangia. Fa le fusa, è vitale, gioca addirittura con lo spago peró non tocca cibo. Ho pensato che forse non sente gli odori dato che aveva il naso pieno di sangue ma dopo un paio d’ore che gliel’ho pulito niente ancora. ho provato a fargli sentire il sapore mettendogliene un poco all’angolo della bocca e nulla. gira intorno alla scodella e basta. in teoria sono 2 giorni che non tocca cibo...è solo spaventato o devo preoccuparmi?

buondì, il prossimo gatto di famiglia è già strano di suo a causa della prima casa che lo aveva scambiato per un giocattolo e poi dato a mia cognata, con tutte le conseguenze ...; quando dorme diventa aggressivo e agitato e a volte cade per i movimenti inconsulti se lei prova a svegliarlo perchè ritiene che sia troppo lui l attacca, graffia soffia e morde ... solo quando dorme con lei è più tranquillo... cosa si può fare ? tra poco andremo a coabitare e la cosa mi preoccupa avendo altri gatti. grazie.