Il gatto persiano è considerato fra le più belle e pregiate razze di gatti e per questo viene selezionato da circa un centinaio di anni dall'uomo. È un gatto domestico per antonomasia. Molti sono gli allevamenti di questa specie. Sono caratterizzati da un lungo e fluente pelo la cui colorazione consta di circa duecento combinazioni di colori. Le colorazioni del manto più diffuse sono quelle a colori solidi come bianco, nero, blu, chocolate, lilac, rosso e crema.

 

Caratteristiche fisiche e carattere

Ha portamento aristocratico e piuttosto flemmatico. Ha corpo sodo e massiccio. Il suo pelo arriva a misurare circa 20 cm. I maschi sono molto più grandi delle femmine: i primi arrivano a pesare circa 7 kg mentre le femmine pesano intorno a 3,5 kg. Ha zampe corte e tozze e i piedi sono arrotondati e larghi. Il suo muso è arrotondato e schiacciato, col naso infossato. Ha grandi occhi tondi molto colorati ed espressivi le cui tonalità variano dall'arancio all'azzurro, al verde, al blu, con qualche eccezione per alcuni che possono avere un occhio arancio e uno blu. Ha orecchie piccole.

Carattere

Hanno un carattere docile e pacifico. I gatti persiani sono molto affettuosi e adatti alla compagnia. Non necessitano di grandi spazi infatti passano la maggior parte del giorno spostandosi flemmaticamente da una stanza all'altra dormendo su ogni divano o poltrona di casa.

 

Cura, salute e alimentazione

Come spazzolare il gatto Persiano

Il gatto persiano richiede molta cura per via del suo lungo pelo. Deve essere pettinato tutti i giorni e i suoi occhi puliti giornalmente per via della copiosa lacrimazione causata dalla conformazione del suo naso infossato che non gli permette lo scarico del muco. Il suo mantello va mantenuto sempre lucido e vaporoso soprattutto per la sua salute.

Come spazzolare il gatto persiano

Ha bisogno di essere pettinato almeno una volta al giorno. Si consiglia l'utilizzo di due pettini, uno a denti stretti e uno a denti larghi.

Cosa serve

  • Spazzola cardatrice
  • Pettinino a denti larghi
  • Lozione scioglinodi per gatti
  • Salviettine umidificate
  • Deodorante per gatti

La spazzolatura del gatto persiano si divide in due fasi:

  • la prima si effettua con il pettine a denti larghi, in modo dolce e senza tirare il pelo o la pelle del gatto
  • la seconda avviene invece con il pettine a denti stretti, in modo da eliminare i nodi che frequentemente si formano sul suo manto.

Nel periodo della muta quest'operazione dev'essere intensificata, per evitare che il gatto possa ingerire un'elevata quantità di peli che potrebbero causare gravi occlusioni intestinali. Per fare in modo che il vostro gatto non rifiuti di essere pettinato è importanete abituarlo quotidianamente fin da piccolo stando molto attenti a non fargli del male.

Spazzolatura semplice

Cominciate a spazzolare dolcemente il vostro gattino nei momenti di quiete, alternando la spazzola alle carezze, e passate appunto la spazzola nelle zone di maggior gradimento, cioè testa e collo, e poi passate pian piano al corpo. Se incontrate nodi, siate molto cauti: meglio tagliarli con le forbici, che tirarli con la spazzola, altrimenti il vostro gatto proverà dolore, e si rifiuterà di lasciarvi proseguire e di ripetere in futuro l'operazione.

Come pulire gli occhi del gatto persiano

Il gatto persiano ha una lacrimazione importante dovuta proprio alla conformazione del suo muso, per questo la pulizia degli occhi è un'altra cosa da fare almeno 2 o 3 volte al giorno e, comunque, ogni volta che ne necessita.  Basta prendere un dischetto di cotone, quelli che si usano comunemente per struccarsi, inumidirlo con un po' d'acqua fresca, strizzarlo bene e passarlo delicatamente sul musetto, vicino agli occhi.

Pulizia delle orecchie

È molto importante anche controllare settimanalmente l'interno delle sue orecchie dove si forma spesso dello sporco, che va pulito per non creare problemi o fastidi al gatto. Per pulire le orecchie, quindi, basta prendere una garza, inumidirla e passarla delicatamente sulla parte interna.

Il bagnetto

Altra "richiesta" del Persiano, indispensabile per conservare la lucentezza del suo manto è la pulizia e quindi il bagnetto. La frequenza è dettata principalmente dall'ambiente e dalle frequentazioni del soggetto che spesso vive esclusivamente in appartamento. Se il gatto è solito uscire in balcone o in giardino necessita di essere lavato con cadenza quindicennale, mentre se i suoi spazzi di movimento sono limitati alle mura domestiche può andar bene anche una volta ogni due mesi. Prima di fargli il bagno dare una bella spazzolata al pelo, con entrambe i pettini.

Cosa mangia il gatto persiano

I Persiani vivono esclusivamente o quasi in appartamento e pertanto la loro alimentazione dipende totalmente dall'uomo. Preferibilmente l'alimentazione deve essere abbastanza varia e i cibi in scatola e i cibi secchi vanno alternati con cibi freschi come carni bianche sempre ben cotte, carni rosse e pesce cotto e senza lisca. Amano le verdure bollite come carote, zucchine, spinaci, asparagi o un il riso all'inglese mischiato con le carni, che in qualsiasi caso devono essere in quantitativo superiore a tutto il resto. Il cibo fresco va tagliato a pezzettini visto che questi felini sono poco inclini alla masticazione. I Persiani non mangiano pane e pasta. Il latte da adulti è sconsigliato in quanto causa dissenteria. Anche se bevono poco devono avere sempre a loro disposizione una ciotola con dell'acqua minerale a temperatura ambiente. EVITARE l'acqua del rubinetto a causa del cloro e del calcare. L'acqua va cambiata regolarmente tutti i giorni.

Cosa mangiano i cuccioli del persiano

Per i cuccioli utilizzare sempre latte specifico per i gattini.

 

Colori, varietà e standard

Il Persiano è riconosciuto in circa duecento combinazioni di colori a seconda delle pezzature e dei disegni.

Persiano solido

Il Persiano Solido è la più antica varietà selezionata. Ha il mantello di un unico colore, a tinta unita, uniforme, senza striature dalla radice alla punta del pelo. Il colore del Persiano Solido, privo di disegno, è dovuto alla presenza di un gene inibitore delle tigrature. Il colore del mantello del Persiano Solido può essere nero, rosso, blu, crema e bianco. Più rari i colori chocolate e lilac. Gli occhi devono essere sempre arancio molto intenso e brillanti. I Persiani bianchi, invece, possono avere anche occhi impari, uno blu e uno arancio o blu.

Persiani Tabby

I Persiani Tabby hanno il disegno tipico del gatto selvaggio. I tabby sono riconosciuti nei colori nero, rosso, blu, crema , black tortie, blue tortie.
A seconda delle varianti del disegno del mantello i Tabby possono essere: Blotched, Tigre' o Mackerel, Spotted.

Bicolor

I Persiani Bicolor a seconda dell'estensione della pezzatura tra bianco e colore si dividono in: Bicolori/Tricolori, Arlecchino, Van.

Parti-color

I Persiani Parti-color hanno la caratteristica di essere nella quasi loro totalità di sesso femminile. I rarissimi maschi sono sterili. I colori sono miscelati tra loro e possono avere le tonalità black tortie e blue tortie. Gli occhi devono essere sempre arancio, il più intenso e brillante possibile.

Colour point o Himalayano

Del Persiano Colourpoint o Himalayan, così viene chiamato negli Stati Uniti, colpiscono subito i magnifici occhi blu zaffiro. Questo tipo di persiano ha la caratteristica di avere il colore del mantello del gatto Siamese con il colore del mantello che sfuma sulle punte. Il resto del corpo deve essere di una tonalità chiara che va dal bianco al beige a seconda dei colori che sono: seal point, blu point, chocolate point, lilac point, red point, cream point, seal tortie point, blu tortie point, chocolate tortie point, lilac tortie point. Gli occhi di questi gatti oltre ovviamente a dover essere grandi e rotondi devono essere di colore blu il più brillante e intenso possibile. I Persiani Colourpoint, pur essendo tranquilli, hanno fama di essere, tra tutti i tipi di persiani, i più vivaci e chiacchieroni, caratteristiche che derivano dagli incroci con i siamesi.

Chinchillà

Il Persiano Chinchilla è caratterizzato dall'avere gli occhi verdi smeraldo, con palpebra, tartufo nasale e labbra cerchiati del colore della pigmentazione del mantello generalmente nero (o raramente blu, chocolat o lilac. Nella categoria del Persiano Chinchilla vengono raggruppate quattro varietà di Persiano: Persiano Chinchilla, Persiano Silver Shaded, Persiano Golden Shell, Persiano Golden Shaded.

Smoke

Il mantello di questa varietà monocromo in superficie si presenta allo stato di riposo di colore unito, ma quando il gatto si muove il lungo pelo si apre facendo apparire il contrasto con la chiarissima radice del pelo.

 

Curiosità

Perché si chiama Persiano

È originario dell'Asia Minore. I primi esemplari furono portati in Europa nel 1626 da Pietro Della Valle. Venne dato il nome di gatto d'angora o anche gatto francese. Quando poi, successivamente, dall'Iran venne importata una varietà di gatti più piccoli e tarchiati e col pelo lungo, venne creata la razza persiana.

 

Libri consigliati

  • Kant il gatto

    <p>La filosofia è una cosa troppo seria per essere presa davvero sul serio.
  • Cat confidential

    "I gattofili adorano parlare dei loro gatti. Hanno la casa piena di foto, libri, calendari, tovagliette da tè e bigiotteria ispirati ai loro amati felini.
  • Il gatto parla

    Che il gatto sia intelligente, affettuoso, leale ogni amante di questo animale lo sa. Ma forse qualcuno non sa che è possibile instaurare con lui un legame ancora più stretto.
  • La bibbia del gatto

    Dopo "Cat detective" e "Cut confidential", in questo nuovo manuale Vicky Halls fornisce informazioni utili a tutti coloro che decidono di intraprendere una sana, allegra e proficua conviven
 

Lascia un commento

Quanto deve essere il peso ideale per una gattina persiana di sette mesi? grazie