Gatto dai bellissimi occhi verdi e dal caratteristico pelo blu

Il Gatto Blu di Russia o Russian Blu o Blu Russo, è un gatto a pelo corto dal caratteristico pelo blu con sfumature grigie. Curiosa è l’espressione della loro bocca che ricorda il sorriso della Gioconda. È un gatto regale, aristocratico, elegante dalle movenze sinuose, tenero e docile, molto affettuoso con tutta la famiglia, è un tipico gatto d’appartamento.

 

 

Descrizione fisica e carattere

Aspetto fisico

Il gatto di razza Blu di Russia è un gatto bello ed elegante con il suo caratteristico mantello grigio-blu e occhi verdi come smeraldi e scintillanti.
Il colore tradizionale è soltanto il blu che deve essere intenso con tonalità chiara. Inoltre ogni singolo pelo deve avere punte argentate.
Il gatto Blu di Russia ha un fitto sottopelo argenteo, corto, fine e setoso. La testa è piccola con cranio piatto, il muso presenta un profilo dritto senza stop, gli occhi a mandorla sono di un bel verde brillante. Le sue orecchie sono larghe e posizionate verticalmente ai lati del cranio.
È un gatto longilineo è muscoloso dal portamento molto elegante. La coda è lunga e sottile. I maschi arrivano a pesare intorno ai 4,5 kg, mentre la femmina, che resta un poco più piccola, è sui 4 kg circa.

Carattere del Blu di Russia

Questi gatti di razza a pelo corto, hanno un carattere tranquillo, dolce e affettuoso sia con i propri simili sia con l'uomo. Sono tipici gatti da appartamento.
Amano stare accoccolati al caldo in braccio a un componente della famiglia. Miagolano raramente e se lo fanno la loro voce è dolce e sommessa.
Con gli estranei tendono a ritirarsi e a non farsi toccare. Rimangono a casa da soli anche un’intera giornata tranquillamente in attesa del rientro del padrone che seguono come un'ombra anche se in modo discreto e non insistente. Il loro padrone ideale deve essere una persona quieta e tranquilla e soprattutto dal tono di voce dolce.

Con i bambini e altri animali

Il gatto blu di russia non tollera il rumore e la confusione per questo non convivono facilmente con bambini troppo piccoli. Si adattano invece bene a vivere con altri gatti o cani.

 

Cura, cibo, riproduzione e cuccioli

Cura e igiene del pelo e delle orecchie

Il mantello del gatto blu di russia non richiede particolari cure, è sufficiente una passata ogni tanto con una spazzola morbida. Durante la muta è consigliabile spazzolare ogni giorno.
Per esaltare la lucentezza del mantello lo si può lisciare con una pelle di daino asciutta o appena inumidita con un prodotto antistatico.
Le orecchie devono essere pulite solo se necessario con prodotto specifico. Le unghie possono essere spuntate con apposite forbicine.

Alimentazione

Il Blu di Russia non ha particolari necessità in fatto di alimentazione. La dieta migliore è a base di alimenti specifici per gatti, sia secchi che umidi.
La razione giornaliera per un gatto adulto si aggira sui 50-70 grammi di cibo secco e di 150-200 grammi per quello umido.
Può essere alimentato anche con cibi freschi come carne, pesce, verdure cotte, purché la dieta sia bilanciata e varia.
È spesso ingordo e per questo è meglio tenerlo sotto controllo, soprattutto dopo la sterilizzazione.

Riproduzione

Sia il maschio che la femmina del gatto blu di russia possono riprodursi da compimento del primo anno di età. La femmina è piuttosto precoce e ha il primo calore tra i 6 e 9 mesi di vita. La femmina generalmente partorisce due volte all'anno dando alla luce 3-4 gattini per parto. La gestazione dura in media 2 mesi.

I cuccioli

Alla nascita il cucciolo del gatto blu di russia può presentare leggere tigrature sul mantello chiamate "marche fantasma" o "ghost marks" che tendono a scomparire durante lo sviluppo. Nascono con gli occhi blu ma il colore tende già a cambiare verso la quarta settimana.
Verso i quattro mesi gli occhi sono già verdi. Per permettere un buono sviluppo psico-fisico dei gattini è preferibile non separare i cuccioli troppo precocemente dalla madre.

 

Origini del Blu di Russia

Il Blu di Russia o Russian Blue proviene dalla città portuale di Archangelsk nel nord-ovest della Russia dove i marinai lo utilizzavano per cacciare i topi sulle navi.
In seeguito la sua eleganza e bellezza lo portò a essere presente in numerose corti tra cui quella inglese durante il regno della regina Vittoria.
Per le sue caratteristiche simili a quelle della lontra, la pelliccia del Blu di Russia in passato è stata spesso usata per confezionare capi di abbigliamento, come colbacchi, manicotti, colli per cappotti. In Inghilterra il gatto Blu di Russia ebbe un grande successo tra i gattofili e venne ribattezzato con vari nomi come: gatto blu di Malta, gatto spagnolo ma anche Arhangelsk dal luogo dove erano stati scoperti.
Solo nel 1912 il Blu di Russia venne riconosciuto come razza a tutti gli effetti.
Gli allevatori statunitensi invece hanno privilegiato incroci che permettessero di ottenere gatti dalle forme più eleganti ma lontani dalla razza originale con testa più cuneiforme e orecchie grandi con attaccatura bassa.
Oggi è possibile importare questi gatti direttamente dalla Russia e dai Paesi dell'Est Europa.

 

Varietà di colore e standard

I colori

Il mantello classico del blu di russia è di colore grigio-blu ma sono state selezionate anche le varietà nere e bianche.
Il mantello blu deve essere il più omogeneo possibile e deve essere privo di peli bianchi e sfumature di altri colori; naso e cuscinetti delle zampine grigi; occhi verdi.
Il mantello bianco deve essere candido, con naso e cuscinetti della zampine rosa; occhi verdi, blu o impari.
Nel Nero di Russia il mantello deve essere perfettamente nero, con naso e cuscinetti scuri; occhi verdi.

Standard della razza

Corporatura

La corporatura dei gatti blu di Russia è media con peso dei maschi di 3,5-4,8 kg, delle femmine 2,5-3,5 kg.
Il corpo è lungo, elegante e ben proporzionato.
Il collo è lungo e poderoso.

Arti

I Blu di Russia hanno zampe lunghe e sottili mentre i cuscinetti sono piccoli e di forma ovale.

Coda

Lunga, dritta, che si assottiglia all’estremità.

Testa

La testa di questi gatti è ampia e un po' allungata.
Le orecchie sono dritte, relativamente grandi e appuntite.
Il naso di media lunghezza, privo di stop, grigio come le labbra.
Gli occhi sono a mandorla, ben distanziati di color verde smeraldo.

Mantello

Pelo corto, fine e setoso, soffice con delicato sottopelo.
Negli ultimi anni è stata selezionata anche una varietà a pelo lungo (razza Nebelung).

Difetti/penalità

Nel Blu di Russia di pura razza il difetto principale che genera penalità è dovuto dalla presenza di peli bianchi e sfumature di altri colori con tracce giallognole di verde negli occhi.

 

 

 

Libri consigliati

  • Il gatto

    Macchie di pipì sul tappeto. Graffi sui mobili. Topi morti sulla porta di casa. Peli sui vostri vestiti preferiti...
  • Dimmi che gatto hai e ti dirò che donna sei

    "Cercate di capire il gatto e capirete la donna" recita un detto orientale: le caratteristiche fisiche e caratteriali, i comportamenti, i pregi e i difetti dei mici sono lo specchio di quelli del m
  • Il gatto parla

    Che il gatto sia intelligente, affettuoso, leale ogni amante di questo animale lo sa. Ma forse qualcuno non sa che è possibile instaurare con lui un legame ancora più stretto.
  • Gattoterapia

    La storia racconta la vita di Lorenzo, un pubblicitario insicuro ed incerto, sia nella vita professionale che in quella privata.
 

Lascia un commento

Ho avuto per 3 volte nella mia vita cani,ho 47 anni...ora è arrivato il momento di vedere se il gatto sia davvero di essere affettuoso e di compagnia come il cane.Scherzo ovviamente...i motivi di base sono altri,prima di tutto amare gli animali ma non avendo una casa grande a questo punto il gatto sarebbe l'ideale ma dovrebbe essere a pelo corto,molto corto,i colori non sono un problema.Una cosa è certa:se entra in casa non esce più,non esistono periodi di prova o cose simili a meno che non ci siano controindicazioni fisiche importanti.Ho un bambino di 9 anni ma non è un regalo per lui anzi non lo sa neanche,è una scelta condivisa con la moglie,lui si occuperà del gatto se avrà dimostrato maturità.