Secondo recenti studi condotti da esperti di comportamento felino, pare essere confermato che il gatto riconosce il proprio padrone come suo simile. John Bradshaw dell’Università di Bristol ritiene che per i felini il proprietario è visto come un grosso e goffo gatto ragion per cui il comportamento dei gatti nei confronti dell’essere umano non cambia. Le donne sono in genere più amate dai gatti perché considerate amorevoli madri, che procurano il cibo e tutti i confort. Mentre il cane distingue il padrone come suo “superiore” il gatto lo vede come suo simile perfino un po’ impacciato. L’Università di Tokyo invece ha condotto sotto la guida del professor Atsuko Saito e Kazutaka Shinozuka un test su una ventina di gatti abituati a vivere in casa evidenziando come il felino sappia distinguere il richiamo del proprio padrone da quello di persone estranee.

 

Libri consigliati

  • Enciclopedia del gatto

    Per chi vuole conoscere tutto quel che c'è da sapere sull'universo felino, ecco il primo libro che non è solo un repertorio di splendide immagini fotografiche, ma è una vera guida pratica
  • La bibbia del gatto

    Dopo "Cat detective" e "Cut confidential", in questo nuovo manuale Vicky Halls fornisce informazioni utili a tutti coloro che decidono di intraprendere una sana, allegra e proficua conviven
  • Il gatto. Se lo conosci lo educhi

    Alice Ki accompagna il lettore alla scoperta di quest'essere dall'irresistibile personalità, coinvolgendolo in un percorso "iniziatico" con una profusione di consigli e considerazioni dettate dalla
  • Gattoterapia

    La storia racconta la vita di Lorenzo, un pubblicitario insicuro ed incerto, sia nella vita professionale che in quella privata.
 

Lascia un commento