I grassi nell'alimentazione del gatto

I grassi sono un componente insostituibile nella dieta del gatto perché servono alla formazione di membrane cellulari e sono importanti regolatori metabolici.
Apportano anche sostanze e vitamine indispensabili.
I grassi nell'alimentazione dei gatti sono la prima fonte di energia se correttamente dosati e ben scelti.
Ma attenzione, perché un eccesso di cibi grassi viene accumulato nel corpo del gatto sotto forma di adipe, come riserva energetica, ma il risultato porterà il gatto a diventare obeso a danno della sua salute.

 

Sono importanti i cibi grassi nell'alimentazione del gatto?

Nella dieta del gatto i grassi svolgono svariate funzioni e sono la fonte di energia principale fra tutte le sostanze nutritive ed aiutano ad aumentare il grado di appetibilità dei cibi per gatti, sia nel cibo secco che nelle pappe umide. 
I grassi servono anche per veicolare le vitamine liposolubili (A-D-E), un po’ come accade per gli esseri umani.
Nell'alimetazione del gatto non devono mancare i grassi in quanto generano due altri tipi di grassi: l’acido linoleico e aracidonico che sono fondamentali per il benessere e il corretto funzionamento di alcuni organi e apparati come la pelle, i reni e gli organi della riproduzione.
L’acido linoleico è presente negli olii vegetali e in modesta dose anche nella carne.
Almeno il 9% delle calorie nell’alimentazione del gatto deve essere rappresentato proprio dai grassi e almeno il 2% dagli acidi grassi essenziali.

 

Quali grassi dare al gatto

I gatti hanno bisogno di integrare nella loro alimentazione anche cibi che contengano una parte di grassi, ma devono essere senza dubbio grassi di qualità, genuini e facilmente digeribili.
Sono fonte di lipidi tutti i grassi animali, lardo, burro, e vegetali come l’olio.
Anche le interiora degli animali sono ricchi di grassi ma è meglio non esagerare con le frattaglie nella dieta del gatto.
Meglio utilizzare le parti grasse naturali della carne che diamo al gatto, quindi è meglio non scegliere carne troppo magra.

I grassi nel cibo industriale

Nel cibo per gatti industriale ci sono diversi tipi di grassi sia di natura vegetale che animale, lardo, grasso di pollame, olio di semi e olii vegetali idrogenati.
Ma attenzione all'olio di pesce, perché un consumo eccessivo di questo grasso insaturo può portare ad una carenza di vitamina E.

 

 

Libri consigliati

  • Dizionario bilingue italiano-gatto, gatto-italiano

    Oltre 9 milioni di gatti vivono nelle nostre case. Eppure spesso abbiamo difficoltà a stabilire una relazione con il nostro amico peloso, a capirlo e a farci capire.
  • Il gatto. Se lo conosci lo educhi

    Alice Ki accompagna il lettore alla scoperta di quest'essere dall'irresistibile personalità, coinvolgendolo in un percorso "iniziatico" con una profusione di consigli e considerazioni dettate dalla
  • Tira fuori la gatta che è in te

    Bellissimo libro per donne che si sentono feline o ancora non sanno di esserlo.
  • Il cucciolo di gatto

    Il vostro adorato gattino vi distrugge la casa, si fa le unghie sul divano e fracassa i ninnoli?
 

Lascia un commento