Novembre 2015 - Secondo un recente studio effettuato da un team di veterinari dell'Università della California il colore del mantello del pelo del gatto influisce sul suo livello di nervosismo. I ricercatori hanno esplorato le possibili relazioni tra il colore del pelo e i comportamenti aggressivi del gatto domestico raccogliendo tramite il web l'esperienza di oltre mille proprietari di gatti.

Le gatte col pelo di tre colori sono le più aggressive

Dai questionari compilati si è evidenziato che le gatte calico, ovvero le gatte a tre colori, i gatti squama di tartaruga e i gatti bianchi e neri o grigi e bianchi sono i più aggressivi con gli esseri umani, durante i rapporti quotidiani con i proprietari, durante le visite veterinarie e durante la manipolazione. I veterinari dell'Università della California sono partiti con la certezza che i gatti di tre colori, quasi sempre solo femmine, manifestano atteggiamenti aggressivi con maggior frequenza rispetto a gatti con mantello di altro colore e tipo, secondo la loro esperienza. Anche attraverso questo studio si è confermata la loro convinzione. La gatta calico non sopporta i rapporti stretti con gli esseri umani ma dallo studio è emerso che non è così per eccessiva aggressività ma solo perché vuole essere lasciata in pace. Invece i gatti più mansueti sono risultati essere quelli con il mantello di un solo colore, bianco, nero, grigio o tigrato.

Vedi Il mantello del gatto e Le razze.

 

Libri consigliati

  • Il libro dei gatti tuttofare

    T. S: Eliot dipinge gli esseri umani, in questi ritratti bizzarri di gatti e caratteri gatteschi.
  • Gattoterapia. Gli esercizi

    La presenza di un gatto in famiglia non è importante solo per il benefico influsso di un pezzetto di natura selvaggia (o quasi) in casa, per contrastare lo stress o far crescere i bambini in modo p
  • La filosofia del gatto

    Si legge di gatti se li si ama.
  • 1001 cose da sapere e da fare con il tuo gatto

    Intelligente? Curioso? Indipendente? Affettuoso? Come descrivere il gatto, un animale che accompagna gli esseri umani dalla notte dei tempi, ma che, forse, non è stato ancora pienamente compreso?
 

Lascia un commento