Novembre 2015 - Secondo un recente studio effettuato da un team di veterinari dell'Università della California il colore del mantello del pelo del gatto influisce sul suo livello di nervosismo. I ricercatori hanno esplorato le possibili relazioni tra il colore del pelo e i comportamenti aggressivi del gatto domestico raccogliendo tramite il web l'esperienza di oltre mille proprietari di gatti.

Le gatte col pelo di tre colori sono le più aggressive

Dai questionari compilati si è evidenziato che le gatte calico, ovvero le gatte a tre colori, i gatti squama di tartaruga e i gatti bianchi e neri o grigi e bianchi sono i più aggressivi con gli esseri umani, durante i rapporti quotidiani con i proprietari, durante le visite veterinarie e durante la manipolazione. I veterinari dell'Università della California sono partiti con la certezza che i gatti di tre colori, quasi sempre solo femmine, manifestano atteggiamenti aggressivi con maggior frequenza rispetto a gatti con mantello di altro colore e tipo, secondo la loro esperienza. Anche attraverso questo studio si è confermata la loro convinzione. La gatta calico non sopporta i rapporti stretti con gli esseri umani ma dallo studio è emerso che non è così per eccessiva aggressività ma solo perché vuole essere lasciata in pace. Invece i gatti più mansueti sono risultati essere quelli con il mantello di un solo colore, bianco, nero, grigio o tigrato.

Vedi Il mantello del gatto e Le razze.

 

Libri consigliati

  • La magia del gatto

    Tra tutti gli animali domestici il gatto è certamente quello più affascinante, ma anche quello nei cui confronti esistono più pregiudizi.
  • Gatti

    Dopo un'introduzione storica, dall'evoluzione del gatto alla sua rappresentazione nella cultura e nell'immaginario collettivo umano, la guida si divide in singole schede, ciascuna dedicata
  • La bibbia del gatto

    Dopo "Cat detective" e "Cut confidential", in questo nuovo manuale Vicky Halls fornisce informazioni utili a tutti coloro che decidono di intraprendere una sana, allegra e proficua conviven
  • Trilli. Riflessioni di una gatta in degenza

    Il libro racconta la storia di una micia, di nome Trilli, ricoverata in degenza nel mio ambulatorio per diverse settimane poiché aveva subìto un brutto incidente.
 

Lascia un commento