Perché da coccolone diventa aggressivo, si rivolta e mi graffia?

L’aggressività è un problema piuttosto complesso che riguarda i gatti e la convivenza con gli esseri umani. Spesso la causa non è da ricercare nel gatto ma in qualche cambiamento che si è verificato in casa. Il comportamento aggressivo del gatto di solito è diretto verso gli umani o altri animali presenti e ha un effetto molto destabilizzante nella convivenza.

 

Perché il gatto è aggressivo?

Il proprietario di un gatto che mostra segni e comportamenti di aggressività deve cercare di capire quale ne sia la causa e gestirla insieme alla reazione aggressiva.

Cause più comuni di aggressività nel gatto

  • Malattia
  • Sovraffollamento in spazi troppo stretti da condividere con altri animali
  • Mancanza di sicurezza dovuta a cambiamenti frequenti della routine quotidiana
  • Arrivo di un neonato in casa
  • Mancanza di stimoli e noia, frequenti nei gatti che vivono in casa
  • Esperienze traumatiche

Il dolore e la malattia sono in genere tra le cause più frequenti di comportamenti aggressivi nei gatti.
Un gatto può infatti attaccare improvvisamente come difesa quando prova sofferenza.

Affrontare la causa della aggressività

In genere a meno che non ci siano patologie gravi o disturbi nel comportamento del gatto dalla sua nascita, dietro ad una reazione aggressiva c'è sempre una causa da individuare.

Frustrazione

Può capitare che un gatto sia infastidito per un determinato motivo e può quindi attaccare in modo aggressivo il proprietario o chiunque si trovi a tiro per frustrazione.
Ad esempio un micio che vede fuori dalla finestra un altro gatto può aggredire chiunque sia di passaggio in casa per la frustrazione di non riuscire a difendere il suo territorio.

Mancanza di stimoli predatori

Il gatto è un cacciatore nato quindi può attaccare qualsiasi cosa si trovi a tiro come le caviglie delle persone o altri animali.
In genere capita quando il gatto non ha altri stimoli predatori per sfogare i suoi istinti innati di caccia.

Paura

Quando è spaventato il gatto può attaccare e aggredire anche la persona che sta cercando di aiutarlo proprio perché viene vissuta come una situazione minacciosa.

Allontanamento precoce dalla mamma

Il gatto può sovraeccitarsi mentre sta giocando manifestando eccessiva aggressività soprattutto se è stato allontanato dalla mamma troppo presto e incoraggiato dal proprietario a giocare in modo violento.
Il gatto non riconosce il limite tra gioco e aggressione.

Convivenza con altri gatti

Qualora arrivino in casa altri componenti della famiglia, che siano altri gatti, animali o bambini, nel gatto prevale lo spirito di competizione in quanto vuole essere e rimanere il dominante del gruppo.

Non si trova la causa dell'aggressività del gatto

Può capitare che il proprietario di un gatto aggressivo non si ritrovi in nessuna di queste situazioni allora si consiglia di rivolgersi ad un terapista del comportamento felino.
Può trattarsi di un problema delicato e complesso che difficilmente si risolve senza l’aiuto di un professionista.

 

Evitare un comportamento aggressivo

Il segreto per evitare l’insorgere di problemi comportamentali del gatto è di farlo socializzare in modo corretto da quando è cucciolo.
Si possono evitare i morsi improvvisi durante le coccole abituando il gatto a sessioni di carezze quando è piccolo e al contatto con l’essere umano.
È importante ricordarsi sempre di non punire mai il gatto in modo aggressivo, colpendolo o sgridandolo con forza perché in questo modo sarà più incline a ripetere l’azione aggressiva o sbagliata sapendo di ottenere una reazione.

 

Cosa fare per limitare l'aggressività

Può capitare che il proprietario di un gatto che diventa improvvisamente aggressivo, che morde, che soffia, non sappia cosa fare per limitare la sua aggressività.
Ci sono alcune azioni semplici che si possono mettere in atto per cercare di far diminuire il problema e per avere così una convivenza più serena in casa.

Ignoralo!

È difficile ma la cosa più importante da fare quando il gatto è in preda ad un raptus di aggressività è di ignorarlo, anche se tende un agguato alle caviglie!
Gridare o rincorrerlo con le minacce non fanno altro che aumentare il suo stress.
Se aggredisce di colpo mentre lo si sta accarezzando si consiglia di alzarsi e di farlo scendere dalle gambe.
In caso di aggressioni gravi e ricorrenti si possono indossare in casa stivali di gomma o guanti così da scoraggiarlo.

Fallo sobbalzare!

Si può utilizzare il classico spruzzino per le piante per sorprenderlo durante un attacco aggressivo così da fermare le sue azioni sempre senza urlare e soprattutto senza rincorrerlo per la casa.
Nel caso in cui l’aggressione improvvisa avvenga fra due gatti, dopo aver provato ad ignorarli, si può tentare di battere le mani.

Premialo quando è tranquillo!

Quando il micio è calmo e sereno e non mostra atteggiamenti aggressivi è bene ricompensarlo con un premio così che associ il comportamento corretto alla ricompensa.

Fallo uscire!

Se c’è la possibilità che il gatto viva in semilibertà si consiglia di riservargli uno spazio all’aperto così che possa sfogare i suoi impulsi.
Spesso il gatto è aggressivo proprio per noia e fustrazione.

 

Aggressività durante le coccole

Può capitare che mentre si accarezza il gatto improvvisamente si innervosisca e attacchi il suo proprietario con graffi o morsi.
Da gattone coccolone diventa così una iena.

Segnali che il gatto sta diventando aggressivo

I segnali per riconoscere questo repentino cambiamento vanno osservati nelle orecchie che si portano indietro fino ad appiattirsi, le pupille si dilatano e la coda si muove fino al momento dell’attacco in cui il gatto cerca di mordere e con le zampe posteriori fa leva sulla mano del proprietario.

Cosa fare se mentre lo accarezzo mi attacca?

Dopo aver osservato i segnali che il gatto sta diventando aggressivo, in questo momento occorre cercare di stare fermi per non innescare una reazione senza via di uscita.
Non si sa ancora esattamente perché il gatto reagisca così improvvisamente ma l’attacco durante le coccole è più frequente nei mici non abituati al contatto umano fin da cuccioli o allontanati troppo presto dalla mamma.
Infatti nei primi mesi di vita è la mamma ad insegnargli a giocare con i fratelli senza tirar fuori le unghie e senza ferirli.
Dopo l’attacco aggressivo il gatto tende a dedicarsi alla toelettatura, spesso vissuta come momento di relax.
Non c’è molto da fare per impedire che il gatto si stanchi improvvisamente delle coccole, ma si può imparare a riconoscere quando “dice basta”! Osservando il suo linguaggio corporeo ci si può quindi fermare prima ed impedire l’attacco.
Soprattutto si deve evitare di accarezzare la pancia ad un gatto nervoso o che si conosce poco.
La pancia è il punto più sensibile che se sollecitato può generare subito un attacco aggressivo.

 

Libri consigliati

  • L'alfabeto del gatto

    Parliamo lingue diverse, ma non è detto che non ci possiamo comprendere.
  • Il carattere del gatto

    Il gatto: un dio per gli antichi egizi, una maledizione per i cristiani superstiziosi del Medioevo, un compagno di meditazione per filosofi come Cartesio e Voltaire, un simbolo di mistero per maghi
  • Dimmi che gatto hai e ti dirò che donna sei

    "Cercate di capire il gatto e capirete la donna" recita un detto orientale: le caratteristiche fisiche e caratteriali, i comportamenti, i pregi e i difetti dei mici sono lo specchio di quelli del m
  • Il gatto. Se lo conosci lo educhi

    Alice Ki accompagna il lettore alla scoperta di quest'essere dall'irresistibile personalità, coinvolgendolo in un percorso "iniziatico" con una profusione di consigli e considerazioni dettate dalla
 

Lascia un commento

buongiorno io ho una gattina di nove anni ultimamente ho preso un gatto maschio di due anni in adozione, era stato investito e me ne sono preso cura andandolo a prendere alla clinica veterinaria.
il gatto è sterilizzato, ma sta mostrando un lato molto aggressivo....ha morsicato mia madre mentre gli stava dando da mangiare e ha provato ad azzannare la gattina, spesso gioca in modo pesante e fa male...oltretutto è un gatto molto grosso, e i suoi denti sono terribili....gli abbiamo dato tanto amore e attenzioni, ma sta venendo fuori un carattere un po troppo pericoloso, il problema è che sta diventando troppo aggressivo, alza il pelo e soffia se per caso gli impedisci di fare una cosa che non deve fare.
io vorrei evitare di riportarlo in clinica, avete qualche consiglio da darmi? ho davvero molti problemi a gestirlo, ho avuto gatti fin da quando ero bambino e non mi è mai capitata una cosa simile.

buonasera,
il mio ragazzo ha un gatto perennemente aggressivo. l’ha salvato lui stesso dalla strada curato e viziato. il gatto infatti vive in una casa ampia luminosa con il terrazzino sempre aperto per permettergli le passeggiate. rientra ed è accolto da cucce calde e tanti giochi. ha di tutto. nonostante ciò il gatto è inavvicinabile. come ci sediamo per terra o ci avviciniamo lui ti si avvinghia al braccio o alla mano, anche se ignorato lui continua a mordere forte e lo devi staccare per forza in modo bruto altrimenti stringe fino a farti sanguinare. ti fa gli agguati feroci è il mio ragazzo reagisce ridendo mentre io lo scaccio. stasera mi ha morso molto forte fino a farmi piangere. riceve amore e attenzioni ma non sappiamo davvero come cercare di placare questo suo aspetto feroce. vi prego aiutateci. grazie

@emanuela: Può capitare che alcuni gatti siano aggressivi sai? Non dipende per forza da voi o da qualche vostra mancanza.
Ma fammi capire se aggredisce soltanto te o anche lui? Perché in questo caso potrebbe trattarsi di pura gelosia se attacca te.
Cerca di prendere confidenza con lui, magari molto lentamente allungandogli qualche croccantino goloso. Se hai paura avvicinalo a lui e poi allontanati...fintanto che non prenderete entrambi più confidenza. Quando finalmente accetterà del cibo da te il problema sarà risolto... Oppure nel frattempo per tranquillizzarlo potete usare il feliway, un diffusore di feromoni che serve a placare il micio. La sua reazione è per difesa, non tanto per attacco. Facci sapere

Buongiorno. Abito in una casa con giardino ed ho 3 cani e 4 gatti che hanno sempre convissuto più o meno tranquillamente in casa, qualche piccola schermaglia ogni tanto ma normale vista la convivenza. I miei gatti peraltro escono anche fuori e tornano quando vogliono (la zona è abbastanza protetta). Un mese fa ho portato in casa una gatta adulta proveniente dall'Africa che ho tolto dalla strada: sapevo che ci sarebbero stati problemi di adattamento ma non immaginavo che si sarebbe scatenata una tale guerra.
La nuova micia è furiosa con i cani che, abituati ai gatti, non hanno avuto problemi mentre ora dopo una serie di aggressioni non escono più dalla cucina (dove invece la gatta entra e gli soffia) e litiga anche con gli altri gatti, è sempre in cerca di attaccare qualcuno mentre con me è affettuosa. Non solo, una delle mie gatte ora è diventata anche lei molto aggressiva con i cani (dormivano vicini) ed anche con mia figlia sul cui letto ha sempre dormito di notte mentre ora non si avvicina più. E' una guerra continua e non so più cosa fare. Sto pensando di far uscire la nuova gatta in giardino sperando che distraendosi si calmi un po' anche se ho paura che non rientri. Inoltre sono molto preoccupata per i cani che fino ad oggi in casa si muovevano liberamente ed ora sono terrorizzati dalle 2 gatte

Salve ho un gattino di circa 4 mesi l'ho preso dalla strada circa 4 settimane fa lui si fa prendere in braccio e coccolare soltanto se è messo in un angolo se no se ne scappa quando lo prendo lui scalcia ,sbuffa e fa un verso tipo che ti minaccia come devo cercare di farci fare le fusa e farsi prendere tranquillamente?

Buonasera, ho una gattina di 2 anni, sterilizzata da uno. Quando l’abbiamo trovata era stata investita, e camminava a stento. Ce ne siamo presi cura anche se lei scappava ovunque. Dopo qualche mese l’abbiamo portata in casa, dove già viveva un altro gatto maschio più grande anche lui sterilizzato. Siccome si sono azzuffati li teniamo separati. Lei dorme con me nella mia stanza e l’altro con mia madre. Non escono mai di casa perché è una zona pericolosa. Il maschio è tranquillo e coccolone mentre lei è molto aggressiva. Morde i piedi, se mi metto a letto mi attacca con apparente cattiveria. Non so cosa fare. Potete consigliarmi?

Cari miei sono disperata!!! Ho 3 gatti randagi che stanno sempre fuori tutti e 3 sterilizzati, 2 maschi una femmina, la femmina era la prima quindi a più vecchia, i maschi sono arrivati più o meno un anno fa, il maschio bianco non attacca la micia invece il rosso la praticamente mandata via da casa e non solo anche dal territorio nei dintorni non so più come comportarmi con il gatto rosso perché se lei è vicina me che mangia lui pe sta un po’ alla larga appena mi giro le spalle e vado in casa v subito a picchiarla cosa posso fare!!!,??????!!!!! Sono disperata la micia non entra più neanche in cortile ed appena lo vede scappa a gambe larghe e la cosa più disturbante e che per esempio c’è un altro maschio che gira nei dintorni ma lui le fa solo un verso e poi lo lascia stare invece appena becca la micia diventa subito aggressivo cosa posso fare? Come posso comportarmi? Vi ringrazio di cuore!

Buongiorno, ho una gatta femmina e un gatto maschio, entrambi sterilizzati che vivono in casa….il maschio è molto buono, la femmina, essendo arrivata per prima, comanda e a volte lo fa filare. Purtroppo l' estate scorsa era sul balcone tranquilla quando ha visto un gatto maschio non sterilizzato e per la frustrazione di non riuscire a difendere il suo territorio, come è stata fatta rientrare in casa, ha aggredito l' altro nostro micio con cui vive da quattro anni e da allora, non è più tornata come prima, a volte sembra non riconoscerlo e a volte si avvicina a lui, si leccano a vicenda e dormono. Ho provato con il Feliway ma sembra non funzioni. Sono costretta durante il giorno a separarli in stanze diverse, ma vivo con la paura e non so più cosa fare. Come lei vede un altro gatto fuori, diventa aggressiva. Aiutatemi, vi prego

Sono disperata per mio figlio che ha raccolto in strada un gattino abbandonato. All'inizio il micio era dolcissimo, mio figlio lo aveva anche portato a casa mia dove ho 2 gatti tranquilli e lui si faceva prendere e accarezzare. Quando mio figlio ha fatto albero e presepio è scoppiata la tragedia. Glieli ha distrutti, inoltre nn permette nè a me nè a mio marito di toccarlo:soffia e graffia. Mio figlio abita al 5 piano ed ha paura anche a farlo uscire sul terrazzo. Perché si comporta così ? Che si può fare ? Il veterinario nn ha saputo dare un consiglio. Mio figlio gli dà tanto amore ed è davvero avvilito

salve ho 2 bei gattoni che vivono insieme da circa 4 anni senza alcuno problema sono 2 maschi tra cui uno sterilizzato
per esigenze personali io e miei pelosi abbiamo cambiato casa il gatto intero ha iniziato ad essere aggressivo nei confronti del suo
vecchio compagno
ho comprato il feliway ma ancora non vedo effetti
vorrei qualche suggerimento
grazie Sabrina

La mia gatta ha partorito 1 mese fa e da un paio di settimane è diventa aggressiva con gli altri 4gatti conviventi e il cane, sicuramente lo fa x protezione dei suii cuccioli, ma ho paura che si possano fare male, prima era una gattina buonissima, passerà? Non so cosa fare, vorrei qualche consiglio. Grazie

Ciao grazie per l'aiuto..ho due gatti ( Piero e Mi) di 1 anno sterilizzati non sono fratelli li ho portati a casa ad una settimana di distanza l uno dall'altro quando avevano tre mesi....escono durante il giorno anche se abitiamo in condominio diciamo che uno sta fuori quasi tutto il giorno ( gattoMi) mentre l'altro è più casalingo ( Piero)..il problema nasce alla notte quando il gatto ( Piero)che esce meno prima lecca l'altro gatto ( Mi) ma poco dopo lo morsica alla gola ...il povero micio (Mi) si lamenta e quando riesce a scappare soffia al suo aggressore...in questo periodo a causa del corona virus siamo a casa e riusciamo a gestire un po la situazione ma sono preoccupata per gatto MI....come posso fare ?. Grazie mille per l'aiuto

Buongiorno sono Emma.
La mia gatta in questi giorni si comporta in modo molto strano, e volevo chiedere dei chiarimenti nsigli su quello che dovrei fare.
È diventata aggressiva e fissa nel vuoto come se avessero molta paura di qualcosa, ha sempre molta fame e ora se le tocca la pancia inizia a miagolare come se le desse fastidio, in più si rotola nell'erba come se si dovesse continuamente grattare, ed ho controllato ed ha le pulci e queste so come curarle.
Però prima le piacevano molto le coccole da parte mia ma ora preferisce stare da sola all'ombra.
A volte quando mi segue si ferma, si inpunta in un posto e non riesco a farla muovere.
Per favore datemi una perché sono molto preoccupata.
Arrivederci.
Emma

Ciao Emma. Viv in semilibertà la tua micia? Non è che per caso è incinta?

Salve! Ho 5 gatti tutti TROVATELLI. Due fratelli di 12 anni, un birmano di 10 anni, una albina sorda di circa 6 anni e una piccola di circa 9 mesi. Da quando, a settembre, è arrivata l'ultima sta succedendo il finimondo! L'albina da subito ha ferocemente aggredito la cucciola e abbiamo scelto di tenerle separate. Ultimamente uno dei due fratelli è stato ricoverato 3 giorni e, al suo ritorno, l'albina ha iniziato ad aggredire ferocemente anche lui. Dunque separati anche loro! Il gatto che è stato ricoverato aggredisce suo fratello con cui è sempre andato d'accordo! Talvolta succede che qualcuno esca dagli ambienti a loro destinati e succede l'INFERNO! La gatta albina sembra una gatta ASSASSINA e abbiamo il terrore che veramente possa uccidere l'ultima arrivata e il gatto che è stato ultimamente ricoverato. Vi ringrazio anticipatamente dei consigli che vorrete darmi!

Buongiorno vivo da circa una decina d'anni con 6 gatti più o meno fra i 4 e i 10 anni e ultimamente trovo sempre la pipì fuori dalle lettiere ne ho 7 sono tutte coperte Ne avevo due prima scoperte ma siccome trovavo la ghiaia in tutta la casa le ho sostituite con quelle chiuse quasi in concomitanza con questa sostituzione ho iniziato a trovare la pipì in giro per casa è diventata veramente una lotta impari perché la trovo ovunque hanno sempre vissuto relativamente tranquilli e non ci sono mai stati problemi sono da sola in una casa di 150 metri quadri e hanno comunque i loro spazi i loro giochi e le loro cucce, adesso praticamente tutti i giorni devo lavare i teli dei divani e tutte le cucce perché sono sempre tutte benedette!!!fra l'altro oggi è successo anche un episodio molto particolare tutti e cinque i gatti insieme all'improvviso senza nessuna avvisaglia sono saltati addosso al più vecchio quello che è un po' il capobranco per intenderci hanno iniziato a morderlo tutti e cinque insieme è stata una scena paurosa in qualche modo sono riuscita un po' a dividerli e poi ho isolato i 5 assalitori, può anche essere che sia il caldo però io tengo tutte le persiane a metà con le zanzariere in modo che circoli l'aria... La casa è fresca...un aiutino per favore ... è evidente che c'è un motivo di stress....... Ma non riesco ad individuare quale...
Buona settimana Evelina

@Evelina Scali: Carissima, che situazione strana! Scusa nel ritardo della risposta, la situazione adesso com'è? Sicuramente è successo qualcosa nell'equilibrio dei gatti. Innanzitutto ricordati di pulire i teli con aceto, l'unico che toglie l'odore della pipì di gatto. Sei sicura che a far pipì fuori non sia il gatto anziano? Facci sapere

Buongiorno, ho un micetto di 5/6 mesi piuttosto socievole e giocherellone, anche con gli estranei. Ultimamente però sta diventando un po' più scostante e aggressivo solo con me, nel senso che non mi fa più le fusa non accetta quasi mai le mie carezze, ma subito mi morde la mano, anche se non affonda quasi mai denti o unghie. mi sono anche accorta che prova ad "accoppiarsi" con un peluche che ha sempre avuto nella sua cuccia, e quando lo fa miagola in cerca di qualcosa e me lo avvicina cercando un mio piede o un braccio e continuando a miagolare in modo quasi interrogativo, come se lo dovessi aiutare. Poi per il resto è sano ed ha un buon carattere, mi viene a cercare quando ha fame e spesso la notte si accovaccia tranquillo in fondo al letto dal mio lato. Ora che dovremo sterilizzarlo, forse perderà quella piccola dose di aggressività? mille grazie

@alice. Penso che sì potrebbe essere che con la castrazione si dia una calmata...magari non subito, ma col tempo. Oppure è il suo carattere un po' così "vivace". Non resta che aspettare...facci sapere!!!

Buongiorno.
Ho un problema che mi assilla. Ho tre gatti (fratelli) di 12 anni. Da sempre, una di loro, è bersaglio degli altri due che ogni tanto la attaccano senza ragione. Lei, di contro, probabilmente per il disagio, fa pipì sulla testiera del letto o in luoghi "proibiti" nonostante le tre lettiere.
Da un mese abbiamo cambiato casa. In questa c'era già una gattina (già nervosetta di suo) che ovviamente è rimasta turbata dall'invasione dei miei tre soffiando loro ed aggredendoli. Ora, dopo un mese, con due ha iniziato a conviverci, ma anche lei ha preso in odio la stessa gatta e non fa altro che aggredirla e rincorrerla tutto il giorno. Ora, anche nella nuova casa, ha iniziato a fare pipì sulla testiera del letto (tra l'altro nuovo) e ieri anche sul muro. Non so più che fare. Avete consigli? Grazie!!!!

buonasera.ho uno splendido gattone da quasi 2anni. non ancora castrato e casalingo, se non per il terrazzino su cui sta sempre a guardare fuori. è un british shorthair estremamente giocherellone, fusone, attaccato ad entrambi, sia me che il mio compagno. anche se più a lui perchè si fa graffiare, mordere mano e braccio senza problemi, mentre io no. lo scaccio se ci prova (anche se solo x giocare i suoi artigli e denti fan male anche involontariamente). di notte è il nostro momento magico, invece.sceglie me e mi dorme esattamente ppallottolato attorno alla testa sul mio cuscino. è stato complicato all'inizio, ma ormai siamo perfettamente rodati. il problema è che, a volte, per svegliarmi la mattina x uscire in balcone o x la pappa o x noia/giocare, mi salta addosso e spesso mi graffia braccio, testa, mi ha presa in faccia..anche se senza cattiveria e con pochi danni x fortuna. il problema è che io prima provavo a chiuderlo in cameretta x punizion, ma tra miagolii e graffiate e testate alla porta, non dormivo. quindi quando mi saltava addosso, gli davo cibo cosicché tornasse poi a dormire con noi tranquillo. il problema, pero', è stato un altro. l'altra notte ad un certo punto abbiamo sentito un fortissimo verso di gattaccio proprio sotto la finestra di camera nostra.io pensando si sarebbe potuto agitare, lo volevo accarezzare x calmarlo. e invece è impazzito. mi ha graffiato braccio, poi più o meno ovunque corendo convulsamente per tutto il letto e stanza, fino a che mi ha infilzato le unghie in testa, e lasciato belle ferite al lato faccia. l'ha fatto perchè terrorizzato o per rabbia reindirizzata, mi sono informata.anche il veterinario mi ha detto che puo' succedere, purtroppo. il problema è che ora io sono terrorizzata da lui e non dorme più con noi, ma ci soffriamo entrambi. e non so come farmi passare questa paura ed al tempo stesso come evitare anche piccoli attacchi futuri che comunque ora mi spaventerebbero troppo e restano comunque pericolosi se mi dovesse "atterrare" su un occhio. il gatto non è castrato ed avevo intenzione di farlo, ma il veterinario dice che questo non cambierebbe la possibilità che x paura o frustrazione risucceda una cosa del genere. consigli?

Ho un problema con un gattino rosso di nome Romeo che il 17 Settembre compierà 5 mesi mi e'stato regalato da una signora quando aveva appena 40 giorni per due mesi e'stato un amore ma man mano e'diventato sempre piu'aggressivo prima mi ha graffiato ovunque per portarlo la prima volta dal veterinario e'stata una tragedia miagola molto intensamente adesso a quasi cinque mesi gli attacchi diventano sempre piu'frequenti tra un mese lo devo sterilizzare spero che si calmi perchè comincio a sviluppare una vera fobia per Romeo fatemi sapere come posso calmarlo.

Ho due gatti di 12 anni, fratello e sorella, che convivono amorevolmente da sempre. Il maschio, Rocco, ha sviluppato purtroppo il diabete e Lunedì ho dovuto lasciarlo tutto il giorno dal vet per effettuare la curva glicemica.
E' accaduto altre volte che, al rientro a casa, l'altro micio soffiasse e respingesse per un giorno intero, probabilmente sentendo odori diversi, ma questa volta sta durando da più di una settimana.
E si tratta di profondi ringhi e soffi e di un totale rifiuto a lasciarsi avvicinare da parte di Zoe. Hanno sempre dormito abbracciati o comunque vicinissimi, ora è impossibile. Come posso aiutare Zoe e "riconoscere" suo fratello? Grazie

Ho un micio dolcissimo di nove mesi, ho deciso di allargare la famiglia e così ho preso una micina di circa 5 mesi, recuperata da alcune volontarie. La micia è molto aggressiva con il mio gattino, non si fa avvicinare e gli soffia continuamente e cerca di graffiarlo. Lui si è molto spaventato, e io non so che fare. È una decina di giorni che sono insieme ma lei non lo accetta proprio. Cosa mi consigliate?

la mia gatta mi morde se le tocco alcune parti del corpo oltre alla pancia ma noto proprio della cattiveria e senso di rancore quando lo fa, a differenza dell altro gatto che lo stesso morde ma oltre a farlo delicatamente non scatta neanche quindi lo fa proprio per affetto e per giocare infatti a volte mi faccio mordere apposta, quello che mi preoccupa è che prima non era cosi aggressiva forse un motivo può essere che abbiamo cambiato casa...?
non è un problema se non riuscirete a trovare una risposta al mio problema perche la mia gatta non mi da altri problemi se non questo piccolo problema che era più coccolona e insomma niente di grave .
grazie per la vostra collaborazione

Salve, io ho regalato un cucciolo della mia gatta ad una mia amica , adesso ha 7 mesi e ogni volta che vado a trovarla diventa aggressivo verso me e la mia famiglia.Come posso cambiare questa situazione e come mai fa cosi?.lei mi dice che lo fa solo con noi

Buongiorno
Abbiamo appena fatto un trasloco da Milano a Tuscania in provincia di Viterbo . Qui adesso siamo in affitto in un monolocale da una casa a Milano di 140 mq in attesa di quella definitiva che stiamo restaurando. Sono qui con due gatti uno di 5 anni e l'altro di 7.
Sono sempre andati d'accordo sin dal 1 giorno .
Il più piccolo semmai ha sempre fatto da capo .
Arrivati il più grande ha preso un attaccamento di gelosia e possesso verso di me e da qualche giorno continua a ringhiare e soffiare sia a me che all'altro gatto tanto che se devo avere delle attenzioni per il più piccolo devo farlo di nascosto quando lui non ci vede . Che cosa posso dargli per curare questa fobia che gli è venuta da un un'improvviso risveglio? Perché tra loro non è successo niente di particolare io ci vivo assieme....non riesco proprio a capire.

Buongiorno, ho un gatto di 7 mesi a volte molto aggressivo infatti morde e graffia in altri casi butta giu' tutti gli oggetti, la situazione sta diventando insostenibile, cosa mi consigliate esiste qualche prodotto per calmarlo?

Il mio micio di 11 mesi, semilibero è stato ucciso dai lupi cecoslovacchi del vicino, il cui giardino ben recintato (recinzione di oltre 3 metri di cui 1 metri in muratura) confina con il nostro. Il micio è andato nel loro giardino forse perché credeva non ci fossero o per eccesso di fiducia era molto socievole.
Vorrei riprendere un altro e mi chiedo se far mettere anche ombreggiante possa essere una sicurezza in più...oppure se devo desistere dal prendere altro gatto.
Noi ci siamo trasferiti in questa casa ad aprile quando abbiamo comprato casa eravamo ignari della presenza dei lupi....

Pagine