L'intervento di sterilizzazione della gatta femmina si chiama "ovariectomia", ossia asportazione delle ovaie mediante incisione nell’addome. Spesso il proprietario di un gatto si domanda se sia giusto procedere con questo intervento. A volte è una decisione saggia e responsabile per evitare il diffondersi di colonie di gatti destinati al randagismo oltre che di tutela per la sua salute.

 

Quando si può sterilizzare la gatta

La decisione di intervenire con l’operazione di sterilizzazione deve essere presa quando la gatta è giovane e procedere così con l’intervento verso il sesto mese di vita, prima cioè che intervenga il primo inevitabile estro o calore amoroso. In questo modo si riduce la possibilità di contrarre tumori alla mammella di quasi il 90%. Si può comunque sterilizzare il gatto anche successivamente, in età adulta, non esistono controindicazioni mediche.

 

Sterilizzazione e convalescenza

Gatto con gorgiera, collare elisabettiano

Come preparare la gatta alla sterilizzazione

Sarà il veterinario a dire per quante ore tenere la gatta a digiuno prima dell'operazione; solitamente per ventiquattr’ore. Occorre procurarsi una cestina in vimini o un trasportino per portare la gatta in tranquillità dal veterinario. Se l’animale non è abituato agli spostamenti è consigliabile lasciare il trasportino in vista a casa per qualche giorno con lo sportello aperto, magari mettendo all’interno un oggetto conosciuto al gatto. In questo modo potrà prendere confidenza e spinto dalla curiosità potrà entrarci spontaneamente. In genere il veterinario preferisce eseguire l’intervento in orario tranquillo e fuori dal normale orario di visita, per questo è necessario concordare con lui un orario preciso.

Come avviene la sterilizzazione

In genere l’intervento avviene in anestesia totale e dura circa mezz’ora. Se tutto procede regolarmente, come in genere avviene essendo un’operazione di routine per i veterinari, la gatta sarà riconsegnata al proprietario ancora addormentata. La sterilizzazione è un’operazione più delicata e complessa rispetto alla castrazione del gatto maschio. Comporta la rimozione di entrambe le ovaie e in alcuni casi di gran parte dell’utero fino alla cervice.

Cosa fare dopo l’operazione, la convalescenza

Innazitutto il proprietario della gatta non deve spaventarsi se al suo ritiro la trova ancora addormentata o in semi veglia con l’addome rasato. Nelle ore successive all’intervento si consiglia di lasciare l’animale tranquillo e di evitargli pericoli. È normale che dorma molto più del solito. La gatta cercherà di alzarsi, importante è non imporle niente perché sa istintivamente come comportarsi. Si può avvicinare la lettiera vicino alla cuccia così da evitare che faccia troppo movimento e comunque anche la cuccia o il posto scelto per il riposo non deve essere in alto perché saltando potrebbero rompersi i punti di sutura o comunque ancora sotto effetto anestesia potrebbe farsi male. Si deve scegliere un posto tranquillo, lontano da rumori, da altri animali o da bambini. Almeno per il primo giorno non si deve cercare di prenderla in braccio perché potrebbe innervosirsi. La prima notte è meglio non somministrare nè cibo nè acqua per gli effetti post anestesia. Il giorno dopo l’intervento sarà già in piedi e tornata quasi alla normalità. È del tutto normale che si lecchi  la ferita insistentemente, così come può capitare che la ferita si gonfi un po'. Per evitare che si lecchi si strappi i punti si può utilizzare il collare elisabettiano o gorgiera, non molto amato però dai gatti. Se si tratta di una gatta che vive in semilibertà si deve evitare di farla uscire da casa. I punti saranno rimossi dal veterinario dopo circa una settimana, dieci giorni.

Cosa succede dopo la sterilizzazione

Oltre ad essere un metodo efficace di controllo delle nascite, la sterilizzazione è importante perché ha degli effetti positivi sulla salute stessa del gatto. La sterilizzazione fatta quando ancora non ha avuto il primo calore elimina il rischio di tumore alla mammella e si prevengono anche il verificarsi di altre forme di tumore un po’ meno comuni come quello all’utero e alle ovaie. Inoltre sembra che le gatte sterilizzate vivano più a lungo delle altre. Si dice che le gatte sterilizzate tendano ad ingrassare più delle altre. In effetti con l’asportazione delle ovaie il metabolismo rallenta, ma con un alimentazione corretta si può tenere sotto controllo il peso.

 

Quanto costa la sterilizzazione

In genere il costo della sterilizzazione varia da veterinario a veterinario, non esiste un tariffario standard. In alcuni casi quando si prende un gatto in adozione è già sterilizzato dal gattile o dall’associazione presso il quale il gatto era ospitato. Con un’offerta libera in genere si provvede alle spese sostenute. L’intervento inoltre ha costi diversi se è stata necessaria l’asportazione dell’utero oltre che delle ovaie in quanto si tratta di un’operazione più lunga. I prezzi variano anche da città a città.

 

Pro e contro della sterilizzazione

I pro

I motivi per scegliere di sterilizzare il proprio gatto sono molteplici.

  • Se la gatta vive in casa si evita che ad ogni calore possa soffrire nel cercare qualcosa che non potrà avere. Si evitano miagolii e lamenti, si limita la possibilità che possa scappare da casa o che sia irrequieta.
  • In questo modo se non si ha la certezza di poter sistemare i cuccioli si evita il proliferare di colonie di randagi, considerando che la gatta potrebbe avere due cucciolate all’anno.
  • Evitando il rapporto con il maschio si riduce il rischio di contrarre malattie a trasmissione sessuale come la FIV e si evitano tumori alla mammella o all’utero. I dati clinici riportano che se si procede con la sterilizzazione intorno al quinto mese quando ancora non ha avuto il primo calore, si riduce la possibilità di contrarre il tumore alla mammella di circa il 90%, se sterilizzate entro il primo anno di vita si riduce di circa l’86%, mentre tra il primo e secondo anno di vita dell’11%. In momenti successivi invece la sterilizzazione non diminuisce la possibilità di contrarre tumore alla mammella, ma è sempre comunque consigliata.
  • Non è provato che sia consigliabile almeno una volta fare avere una gravidanza alla gatta considerando che il rapporto non produce piacere così come la gravidanza.
  • Non è vero che con la sterilizzazione possa cambiare la personalità del gatto. Si tratta spesso solo di credenze popolari.

Pastiglia contraccettiva

Alcuni optano per la somministrazione di una compressa da dare ad ogni calore che ha l’effetto di bloccarlo piuttosto che intervenire chirurgicamente. Le controindicazioni sono maggiori in quanto aumenta il rischio di tumore e di infezione all’utero (piometra). Questa pratica ultimamente non è ben accolta dai veterinari proprio perché gli effetti collaterali sono maggiori rispetto ai vantaggi, quindi consigliano la sterilizzazione.

I contro

C’è chi sostiene che sterilizzare il gatto sia contro natura, un’imposizione ingiusta e pertanto cercano di contenere il rischio di gravidanze inaspettate segregando la gatta in casa, ma limitarne la libertà è altrettanto contro natura. Chi possiede allevamenti di gatti di razza sa bene che nel caso di una gatta sterilizzata, ultima di una generazione di gatti di razza, perde i suoi geni e quindi non riproducendosi non manda avanti la specie.

 

Libri consigliati

  • Il cucciolo di gatto

    Il vostro adorato gattino vi distrugge la casa, si fa le unghie sul divano e fracassa i ninnoli?
  • Gattology

    Chi possiede un felino lo sa: il gatto, più che un animale da compagnia, è una vera e propria filosofia di vita.
  • Il gatto parla

    Che il gatto sia intelligente, affettuoso, leale ogni amante di questo animale lo sa. Ma forse qualcuno non sa che è possibile instaurare con lui un legame ancora più stretto.
  • Il mio gatto, io e il senso della vita

    "Il mio gatto ha una qualità particolare: è un gatto tigrato, carino da disegnare, un gatto che somiglia stranamente... be', a nessun altro gatto. Come tutti i gatti, è unico.
 

Lascia un commento

Ottimo sito ........ci voleva
La mia gatta e' un po' asmatica .
Rischio se la faccio sterilizzare ?
Grazie . E tanti saluti .

Buongiorno Stefano,
grazie mille per i complimenti, fa sempre piacere riceverne quando si svolge il proprio lavoro con serietà.
Per la sua gatta asmatica, non dovrebbero esserci problemi per la sterilizzazione, chieda comunque riscontro al suo veterinario.
Ci faccia sapere, saluti

Buonasera ieri ho sterilizzato lamia gatta dopo 30 ore non ha ancora mangiato e soprattutto non ha ancora bevuto....questo mi preoccupa un po'. Vorrei sapere se è normale perché questa situazione mi mette "ansia". Grazie mille

Ho una gattina di quattro mesi. sono indeciso se farla sterillizzare poiche' vive in casa e non ha possibilita' di uscire. Che consiglio mi potrebbe dare?
Grazie..saluti

Gentile sig. Ilario,
il nostro consiglio è sempre quello di far sterilizzare il proprio gatto anche se sta in casa. Un gatto sterilizzato è più stabile e si riduce anche il rischio di tumore alla mammella. Comunque la scelta spetta a lei, eventualmente si faccia consigliare anche dal suo veterinario.
Cordiali saluti,
Nicoletta

ho fatto sterilizzare la mia gatta all'età di sette mesi ma dopo ca venti giorni dall'operazione è andata in calore le hanno fatto una puntura e per otto mesi tutto a posto poi è nuovamente in calore fatta una nuova puntura di estropil mi dicono che dovrò fare la puntura tutta la vita perchè non hanno tolto l'utero e le ovaie forse qualche cellula è rimasta ma allora cosa l'ho fatta sterilizzare a fare se de vo continuare con le punture? ora secondo voi devo fare rioperare le gatta o non si può fare più nulla? grazie

Gentilissima Elide,
difficile poter rispondere alla sua domanda.
Certo che è davvero strano quanto è accaduto.
Sarebbe da capire meglio come mai non hanno asportato ovaie e utero e soprattutto come mai non glielo hanno comunicato fin da subito.
Ritengo che solo un altro intervento possa definire la situazione, ma consulti un nuovo veterinario e spieghi bene l'accaduto.

Cordiali saluti

Salve,
ho adottato a novembre una trovatella, credo che al momento del ritrovamento avesse 2-3 mesi al massimo, per cui dovremmo avvciniarci al 6 mese. Da un pò di giorni miagola in continuazione (un miagolio diverso dal solito), si strofina ai jeans ed al divano, rotola a terra, insomma credo sia andata in calore. Vorrei portarla dal veterinario per un primo controllo e per valutarne la sterilizzazione, ma ho paura che possa succedere qualcosa durante l'intervento.

Buonasera la mia gatta di 10 mesi è incinta da circa un mese...quanto devo aspettare dal parto x sterilizzarla?

Ciao Valentina,
in genere è meglio aspettare lo svezzamento dei cuccioli, circa un mese e mezzo o due mesi dal parto, questo per evitare che se la sterilizzi durante la fase dell'allattamento dopo l'operazione lei tenga lontani i cuccioli con le relative conseguenze.
Comunque appena vedi che i cuccioli sono in grado di mangiare da soli, procedi!
Mandaci le foto della cucciolata, nella sezione delle foto.
Facci sapere, Nicoletta

Salve avrei una domanda. Come mai mi ritrovo tra la documentazione relativa alla sterilizzazione della mia gattina un adesivo con la scritta :"Sterilization expiry date: 02/2019" ? Non credo esisti una data di scadenza della sterilizzazione!!! ;-)

Salve, a breve prenderò un cucciolo di Sacro di birmania partendo dal presupposto che vorrò sterilizzarlo, o meglio castrarlo visto che si tratta di un maschio. Vorrei sapere se ci sono controindicazioni alla sterilizzaz.precoce a 6 mesi, piuttosto che a 8, e se ciò può causare predisposizione a sviluppare qualche malattia. Grazie.

Per Lucia: ovviamente non c'è una data di scadenza alla sterilizzazione!!!

Per Maria Grazia: in genere a sei mesi si possono già castrare, è comunque il veterinario a stabilire se il momento è giusto.

Per Lucia: ovviamente non c'è una data di scadenza alla sterilizzazione!!!

Per Maria Grazia: in genere a sei mesi si possono già castrare, è comunque il veterinario a stabilire se il momento è giusto.

Salve, la mia gatta ha 3 anni e mezzo ed ancora non l'ho sterilizzata, nonostante vada in calore, ma avvertivo molta paura. E' una gattina d'appartamento, non esce fuori, vorrei sapere sono ancora in tempo per poterla sterilizzare o ormai prossima ai 4 anni non ha più senso? mi spaventa sapere che possa rischiare tumore alle mammelle, ma non so esattamente se sterilizzandola adesso possa diminuire questa possibilità. Cordiali saluti

Salve. Ho una gatta di quasi due anni, non ha mai fatto cucciolate anche perché sta in casa, e sto pensando di farla sterilizzare. Spesso però leggo che è meglio farlo entro i sei mesi per evitare il rischio di tumore. Cosa mi consigliate?

Buona serata Dott.re, ho fatto sterilizzare la mia gattina in laparoscopia ho notato che il suo miagolio è cambiato,mangia e beve ma sembra che faccia fatica a miagolare. Tutto dipende dall'anestesia o ci possono essere altri problemi?La ringrazio. Tiziana Mennini

@Tiziana: non dovrebbero esserci altri problemi. In pochi giorni tutto si sistemerà. Fossi in te starei serena.
@Maria Lucrezia: il consiglio è di far sterilizzare il proprio gatto anche se adulto. Non ti preoccupare. Il rischio tumore c'è anche all'inverso.

Buongiorno, ho fatto sterilizzare una trovatella all'età di circa due anni, per evitarle le classiche sofferenze del periodo del calore. Tuttavia, gli effetti, anche a distanza di otto mesi circa, sono disastrosi. Non sopporta il fratello, anch'esso sterilizzato (o meglio castrato), lo aggredisce quasi quotidianamente. Alterna momenti di serenità con lui, e stanno magari anche insieme, a me menti di ira, nei quali lo aggredisce, con scene che le lascio immaginare. Mio figlio giorni fa si è trovato in mezzo ed è stato graffiato in più parti del corpo. Queste cose prima dell'intervento non le aveva mai fatte. Il veterinario che ha fatto l'intervento dice che ha asportato tutto e, c queste cose non dovrebbero dipendere

@Martino: non penso che l' atteggiamento del gatto sterilizzato sia una conseguenza della sua sterilizzazione! Anzi, in genere diventano più docili e tranquilli. Sicuro che non ci sia stato dell' altro tra i due gatti? Sembra molto più probabile.

La mia gatta a 3 anni di quando e stata sterilizzata si comporta come un maschio , fa la pipi in piedi con la coda alzata per tutta la casa. .

Buongiorno, domani porteremo a sterilizzare una gatta randagia che frequenta il nostro giardino :)
nel giro di 5 mesi ha già avuto 2 cucciolate e ci ritroviamo con 8 gatti/gattini che non rientravano esattamente nei nostri piani (tra l'altro vorremmo cambiare casa e la questione si complica molto).
Ci hanno detto che la gatta deve stare a digiuno per cui vorremmo tenerla in casa per la notte ma non credo reagirà bene.
Capita che entri in casa ma se la porta viene chiusa inizia a piangere disperatamente per cui farla stare dentro una notte intera mi sembra quasi impossibile. Avete qualche consiglio in proposito?

Buongiorno,io ho una gattina di 4 mesi, ormai ci si avvicina sempre di più al 5-6 mese e avevo intenzione di sterilizzarla per evitarle eventuali malattie, inoltre ho letto su internet che la sterilizzazione del gatto comporta anche una diminuzione nella produzione della fel d1 la proteina che causa l' allergia ai gatti, mi da conferma di questa cosa o è solamente una diceria che si sente in giro?

Ciao Fabio,
Purtroppo non abbiamo informazioni in merito. Aldilà di questo, la sterilizzazione è la scelta più giusta per il benessere del gatto !

Salve, vorrei sapere se c'è correlazione tra stitichezza e sterilizzazione. 4 anni fa mi è morta una gatta (di 4 anni) con un tumore all'intestino e adesso ho un'altra femmina di 4 anni, sterilizzata anche lei, che è diventata stitica. L'erba non sortisce grandi effetti lassativi così devo usare la vaselina ma non mi sembra che la cosa sia normale. Grazie.

Ciao Rita,
non dovrebbe esserci alcuna correlazione fra sterilizzazione e tumore, se no immaginati quanti mici ammalati ci sarebbero!
Piuttosto, a questo gatto dai lo stesso cibo che davi all'altro? Hai provato a variare la marca, la tipologia, ecc..?
Il gatto ha pelo lungo? Lo spazzoli abitualmente?

Grazie per aver risposto. No, a questa gatta ho cambiato regime alimentare e poi mangia anche una buona dose di erba gatta. E' a pelo corto.

Buongiorno ieri pomeriggio ho sterilizzato la gattina di6 mesi...Su consiglio del veterinario non ho lasciato cibo ma stamattina ha vomitato ugualmente... In piú non riesco a darle l antibiotico pres in pasticche... È normale che vomiti? E come somministare l antibiotico? Grazie

Buongiorno è possibile che una gattina nata 29/9/16 sia già in calore? Vive in casa

@Tiziana: è piuttosto normale che la micetta vomiti. Per la somministrazione della pastiglia consulta la nostra pagina con i consigli utili http://www.tuttosuigatti.it/come-curare-un-gatto-malato.html

@Elema: La tua micina è precoce. Si, possono esserci casi di calore anticipato.

Buonasera dottore, ho una gattina di tre anni e siccome va in calore di continuo ultimamente, vorrei un consiglio circa l'ipotesi di sterilizzarla o meno. Ogni quanto vanno in calore le gatte e per quanto tempo dura? E' dannoso e la porta a sofferenza non farlo? Grazie ancora e buona serata

Buonasera dottore ho appena sterilizzato la mia gattina di 7 mesi ,ma il veterinario non mi ha consigliato di prendere antibiotici o quant'altro , secondo lei é giusto ???

salve ho una gatta di 1 anno ho paura a farla sterilizzare cosa mi consiglia

@vittoria: paura di cosa? Non riesco a capire. La sterilizzazione è una scelta consapevole e corretta sia per il bene del gatto che per la comunità nel caso la sua gatta esca di casa.

salve oggi ho fatto sterilizzare la mia gatta e quando l ho presa sono rimasta male nel vederla tutta bendata visto che l altra mia gatta l anno scorso la sterilizzai da un altro veterinario e non ebbe nessuna fasciatura e nessun taglio e la sera stessa stava benissimo poiche aveva avuto l intervento in laparoscopia.la gattina sterilizzata oggi invece ha subito intervento tradizionale. il veterinario ha affermato che e meglio cosi.io pero non sono convinta in piu dovrà tenere la fasciatura per una settimana e forse di più..secondo la vostra esperienza come è meglio procedere e perche il veterinario ha scelto questo metodo?ho pagato anche di piu e potrebbe essere che non e capace di procedere diversamente?

buongiorno sono la proprietaria di Mia ...Io ieri mattina presto ho fatto sterilizzare la mia pelosetta e da quando e uscita dall'intervento la vedo irascibile morsica se cerchi di prenderla o coccolarla ,e poi a malapena riesce a salire sul divano a distanza gia di 24 ore dall'intervento fatto e fa fatica a miagolare....però dopo l'intervento ha mangiato e ha fatto i suoi bisogni regolarmente..e tutto sotto la norma...aspetto risposte ???Stupendo sito

@katuscia: Sembrerebbe tutto nella norma! Non forzare Mia a saltare o a stare in braccio. Riprenderà le sue normali attività quando vorrà lei. Se mangia, fa i bisogni e beve è tutto nella norma. Dalle tempo! Auguroni e continua a seguirci!

salve ho fatto sterilizzare mia gattina di due anni ne ho in casa un'altre di tre lei era già sterilizzata nn comprendo come mai appena sterilizzata altra gatta e come nn la riconoscesse sono insieme da 3 anni mai un litigio sempre giocare ora le sofia e tenda di garrfiarla come mai è momentaneo o sarà sempre così ? come mai tale atteggiamento a cosa è dovuto ? grazie a chi risponde. buona gg

nel cortile condominiale adiacente ai garage si è formata una colonia di gatte randage ;inizialmente era una a cui davo da mangiare ,adesso ne vengono otto. Non mi preoccupa il cibo e l'acqua e non disturbano però mi fanno pena quando le vedo scappare dal maschio che da fuori della colonia si avvicina quando qualcuna è in calore. Ho pensato alla sterilizzazione però come faccio a distinguere la più grande che ha già avuto 5 gravidanze e poi come si possono assistere nel post operatorio? è meglio lasciare alla natura? perchè se dovessero stare male non si fanno avvicinare e toccare; vengono solo a chiedere il cibo e non sono riuscita a capire dove dormono. Grazie per la risposta.

Buonasera vorrei un informazione ho una gatta di circa un anno e mezzo non ha contatti con altri gatti (abitiamo al 3 piano) posso tralasciare di sterilizzarla? Grazie in anticipo per la risposta

Ciao a tutti. Oggi ho sterilizzato la mia Rosy. Ho voluto farle avere i micini almeno una volta, darle il piacere di diventare mamma. Due mesi fa ha messo al mondo 5 splendidi gattini a cui ho trovato casa, a parte uno, che terro' insieme a lei. Ho letto tutte le varie pro e contro la sterilizzazione, e alla fine ho preso la decisione. Mi sento in colpa, vederla soffrire per una mia scelta mi fa stare male... spero che tutto torni nella norma e che abbia preso la giusta decisione per il suo bene... grazie a tutti voi che amate i pelosetti.

è possibile che una sterilizzazione sia eseguita male? mi hanno portato una gattina semiselvatica ed era rasata sull'addome. a causa della sua diffidenza non sono ancora riuscita a portarla dal mio veterinario ,ma da qualche giorno si comporta come se fosse in calore.
in questo caso va ri-operata?

@Simona: E' meglio portare la micia dal veterinario per una visita. Non è matematico che se una gatta è rasata sull'addome vuol dire che sia stata sterilizzata...

Purtroppo ho dato ascolto a questi siti e a persone che dicevano che sterilizzando la gatta, sarebbe stata meglio non sarebbe più uscita di casa, invece è stato tutto il contrario, era una gatta dolcissima le facevo persino il bagno e usciva raramente di casa solo nel momento del calore, gli ho fatto fare una cucciolata e poi la sterilizzazione, ha cambiato totalmente carattere adesso è aggressiva, non si fa più avvicinare e non entra più in casa praticamente l'ho persa, se non la vedessi in giardino ogni tanto premetto che ero contro la sterilizzazione ed ahimè avevo ragione.