Omeopatia, il simile cura il simile

Tra le medicine alternative a quelle convenzionali più utilizzate anche in veterinaria c’è l’omeopatia che spesso riscuote grandi successi. L’omeopatia, per gli animali così come per gli esseri umani, cerca di curare la malattia somministrando rimedi che provocano gli stessi sintomi della malattia stessa secondo il principio che “il simile cura il simile”.

 

Perché ricorrere all'omeopatia

Per la medicina omeopatica il paziente ha un ruolo primario nel processo di guarigione, pertanto è fondamentale un’approfondita conoscenza dello stesso. Con i gatti il proprietario deve conoscere bene il proprio animale, avere un quadro completo del suo processo di crescita e di ogni passaggio della sua vita. Solo in questo modo si può curare una patologia con le cure omeopatiche. L’omeopatia veterinaria viene applicata soprattutto nei casi di problemi del comportamento, disturbi dermatologici, in immunologia, malattie infettive, neurologia, malattie dell’apparato digerente e del sistema respiratorio.
Si consiglia sempre di avvalersi dell’esperienza di un medico omeopata di fiducia, che possa fornire assistenza e utili terapie. In alcuni casi la medicina alternativa si deve affiancare a quella convenzionale, può esserne un supporto nei casi in cui le cure tradizionali non possano essere sospese. L’approccio dell’omeopata anche sui gatti è quello di affrontare il disturbo lavorando su diversi piani di indagine e di cura, con un approccio multidimensionale, ad esempio dando anche utili consigli sull’alimentazione del gatto e su come adattare l’ambiente in cui vive.
Essendo l’omeopatia, come altre cure alternative, sempre più diffusa al giorno d’oggi, iniziano a sorgere delle vere e proprie cliniche veterinarie omeopatiche a cui potersi rivolgere.

 

Come usare rimedi omeopatici con i gatti

I rimedi omeopatici si presentano in genere sotto forma di gocce o granuli che possono essere sciolti in acqua o diluiti, o addirittura somministrati direttamente nella bocca del gatto con una siringa priva di ago, o mischiati nel cibo. È il medico omeopata a stabilire quale sia la posologia. Possono verificarsi alcuni casi estremi e gravi in cui si richieda una terapia d’urto somministrando i rimedi anche ogni quindici minuti.
In genere una cura omeopatica ai gatti può mostrare i primi segnali di ripresa non prima di un mese.
Chi si propone di voler curare il proprio gatto con rimedi omeopatici deve sempre rivolgersi ad un professionista evitando il fai da te. L’errore più comune che si può fare è quello di sottovalutare l’importanza di un rimedio omeopatico che si somministra al proprio gatto. Forse non tutti sanno che se si sbaglia la dose o se si mischiano rimedi diversi le complicazioni possono essere davvero gravi, a volte anche letali.

 

Libri consigliati

  • Cat confidential

    "I gattofili adorano parlare dei loro gatti. Hanno la casa piena di foto, libri, calendari, tovagliette da tè e bigiotteria ispirati ai loro amati felini.
  • Tutto sulla psicologia del gatto

    Utile testo e guida per capire l'affascinante psiche del gatto, i suoi comportamenti, le sue esigenze, i suoi bisogni.
  • Il gatto parla

    Che il gatto sia intelligente, affettuoso, leale ogni amante di questo animale lo sa. Ma forse qualcuno non sa che è possibile instaurare con lui un legame ancora più stretto.
  • Dimmi che gatto hai e ti dirò che donna sei

    "Cercate di capire il gatto e capirete la donna" recita un detto orientale: le caratteristiche fisiche e caratteriali, i comportamenti, i pregi e i difetti dei mici sono lo specchio di quelli del m
 

Lascia un commento

Buonasera, volevo chiederle se posso dare le gocce di R14 alla mia gatta visto che sono tre notti che nn dorme perché é in calore. Se si quante gocce?

Salve ho due gatti di circa 6 mesi e la femmina secondo me ha un inizio di congiuntivite .mi consigliate qualcosa da fare???

La mia gatta di 14 anni ha una forte infezione che ormai ho curato con antibiotici per un mese.
Non sta' peggio, ma sono convinta che tutti gli antibiotici che ha preso l'abbiano molto debilitata avendo poi un risultato minimo ( i globuli bianchi sono ancora alti)
Vorrei cominciare una cura omeopatica.
Vivo a Prato, ma qui non conosco nessuno che possa aiutarmi.
Grazie

Buonasera, al mio micio è stata riscontrata, dopo ecografia pelvica per problemi urinari, una gastrite. Gli è stato prescritto un gastroprotettore per 3 settimane, da somministrare 2 volte al giorno. Sono all'ottavo giorno della cura e vedo che il micio appare stanco e insonnolito (ho letto negli effetti secondari che può succedere) ed il transito intestinale è peggiorato (devo somministrare Duphalac 2 volte al giorno). Vorrei sospendere il protettore gastrico allopatico e provare a somministrare il rimedio omeopatico Nux Vomica. Mi sapreste consigliare le dosi e la diluizione dei granuli? grazie mille

Salve la mia gatta ha 20anni soffre di ipertiroidismo....da qualche anno forse tre anni.la sto trattando con tapazole da 5mg....io che non credo nei farmaci e curo tutto con l'omeopatia.Priscilla credo avrà fatto due vaccini in tutto....non le ho mai dato nulla se non in questo periodo.é dimagrita é irrequieta....non so più come alimentarla perché cambia spessissimo gusti e cerca sempre cibo miagola tantissimo...la notte ti sveglia per mangiare....come posso aiutarla e vorrei eliminare il tapazole....grazie

Salve!La mia gatta ha 16 anni ,e sospetta di cancro(aspetto lil risultato. Citologico)Vorrei sapere se esiste la speranza di guarire con la .medicina omeopata.!?Grazie

Buongiorno. Ho un gatto di razza di quasi 5 anni. Vorrei sapere se ci sono dei rimedi omeopatici per il problema che mi crea il gatto da oramai quasi 5 anni.
Lui è particolarmente attaccato a me e in certe situazioni di "conflitto" suo mi fa la pipì in giro: sul divano, sui giochi della bimba di 2 anni di cui lui è geloso, sul letto, sui tappeti, ovunque.
Ad oggi ho provato tutto quello che si poteva compreso consultare un veterinario comportamentale ma non ho risolto nulla.
Attendo fiduciosa! Grazie