Consigli pratici per viaggiare in auto con il proprio micio

Prima di mettere il gatto nel trasportino e iniziare un viaggio in macchina con lui è consigliabile seguire una preparazione onde evitare di avere problemi durante il tragitto. Vedi anche Il mal d'auto.

 

Cosa serve per viaggiare in auto

  • Il trasportino. Se si decide di intraprendere un viaggio in automobile con il proprio gatto a seguito è bene innanzitutto procurarsi un trasportino adatto e abituare il gatto a starci dentro in modo sereno. Alcuni gatti non amano sentirsi chiusi nel trasportino, ancor di meno se non abituati.
  • Fogli di giornale o carta assorbente per i suoi bisogni
  • Ciotola dell’acqua
  • Coperta
  • Giochini

Dopo aver seguito tutti i consigli utili per mettere il gatto nel trasportino, prima della partenza è bene sistemarlo in un punto sicuro della macchina dove non ci sia il rischio che si muova troppo. Esistono in vendita alcuni trasportini con l’adattatore per le cinture di sicurezza, in questo modo si assicura la stabilità, evitando troppi sbalzi che possono provocare nausea nel gatto.
Sarebbe meglio non metterli sul pavimento della macchina perché in questa posizione il gatto potrebbe soffrire di più. Fondamentale è non posizionare mai il trasportino nel bagagliaio perché è l’area più a rischio in caso di incidenti. La guida deve essere fluida e senza scatti, facendo estrema attenzione che il gatto non riesca ad uscire dal trasportino. Se ci si ferma per cambiare l’acqua o la carta di giornale occorre stare molto attenti che il gatto non scappi perché in preda al panico potrebbe fuggire via rischiando molto. La decisione di partire per un viaggio in automobile con il proprio gatto è una scelta importante da prendere in quando occorre tener presente che il viaggio può essere un momento stressante per il gatto oltre che per motivi psicologici anche per ragioni fisiche come soffrire di mal d’auto. Il continuo movimento della macchina infatti provoca la chinetosi o "mal d'auto".

 

 

Consigli per evitare il mal d’auto

  • Il gatto prima di un viaggio in automobile è meglio che resti a digiuno nelle sei/otto ore prima. Qualora il tragitto in macchina sia piuttosto lungo si possono somministrare piccoli spuntini a base di croccantini, anche se in genere il gatto è stressato e non ha proprio voglia di mangiare
  • È meglio che beva poco prima della partenza e durante
  • Nel caso il gatto si mostri particolarmente agitato si può coprire il trasportino con un panno così che non veda fuori e non percepisca il movimento
  • Si possono mettere nel trasportino dei giochini per cercare di distrarlo
  • Una coperta o un cuscino può aiutarlo nel sentirsi più comodo e protetto
  • In caso di alte temperature si consiglia di bagnare spesso il muso e la fronte per rinfrescarlo o di bagnare i polpastrelli
  • Assicurare durante il viaggio che l’abitacolo sia areato ma fare attenzione ai colpi d’aria
  • Se il gatto è particolarmente agitato oppure nel caso non ami i viaggi in auto si consiglia chiedere prima della partenza aiuto al veterinario. Ci sono anche rimedi naturali che possono contribuire ad evitare problemi e disturbi.
  • Vedi Il mal d'auto.
 

Cosa dice il codice della strada

Il "Nuovo codice della strada", decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni stabilisce in modo chiaro e inequivocabile le norme da rispettare nel caso di trasporto di animali in automobile.

“Il trasporto di un animale domestico in auto è consentito a condizione che l’animale non costituisca impedimento o pericolo per la guida”.

Nel caso di viaggio con il gatto la legge parla chiaro. L’animale deve essere chiuso nel suo apposito trasportino.

 

Libri consigliati

  • Dimmi che gatto hai e ti dirò che donna sei

    "Cercate di capire il gatto e capirete la donna" recita un detto orientale: le caratteristiche fisiche e caratteriali, i comportamenti, i pregi e i difetti dei mici sono lo specchio di quelli del m
  • Il gatto

    Macchie di pipì sul tappeto. Graffi sui mobili. Topi morti sulla porta di casa. Peli sui vostri vestiti preferiti...
  • Gatti

    Dopo un'introduzione storica, dall'evoluzione del gatto alla sua rappresentazione nella cultura e nell'immaginario collettivo umano, la guida si divide in singole schede, ciascuna dedicata
  • Gattoterapia. Gli esercizi

    La presenza di un gatto in famiglia non è importante solo per il benefico influsso di un pezzetto di natura selvaggia (o quasi) in casa, per contrastare lo stress o far crescere i bambini in modo p
 

Lascia un commento