I gatti hanno una temperatura corporea molto diversa da quella degli esseri umani. Un gatto sano ha una temperatura media intorno ai 38,5°. Misurare da soli la febbre al gatto non è cosa semplice in quanto va provata nel retto. È importante consultare subito il veterinario nel caso il gatto mostri i sintomi della febbre e soprattutto evitare di dare farmaci, considerando ad esempio che la tachipirina ha effetti letali sul gatto.

 

La temperatura corporea del gatto

La temperatura normale

La temperatura media di un gatto sano deve aggirarsi intorno ai 38 gradi circa, nei gattini cuccioli invece intorno ai 39 gradi. Qualora dovesse superare i 39 gradi è segno evidente che c’è in corso uno stato febbrile lieve probabilmente generato da una leggera indisposizione.

Temperatura di 40 gradi

Temperature vicine o addirittura superiori ai 40 gradi sono in genere provocate da malattie ai polmoni, ai centri nervosi o da malattie di tipo virale.

Oltre i 41 gradi

Quando la febbre supera i 41,11 gradi allora si possono rischiare gravi complicazioni agli organi interni quindi l’unica cosa da fare è portare il gatto dal veterinario. Nel gatto però influisce sull’innalzarsi della temperatura del corpo anche una attività fisica prolungata o uno stato di agitazione.

Temperatura sotto i 38 gradi

Una temperatura inferiore alla media, ovvero al di sotto dei 38 gradi e mezzo può essere il sintomo di un indebolimento generale del corpo per cui da non sottovalutare. Anche  nel caso quindi di ipotermia occorre consultare subito il veterinario.

 

Come capire se il gatto ha la febbre

I sintomi

Quando un gatto ha la febbre sembra triste, è mogio, rifiuta il cibo e tende all’isolamento per preservare le sue energie. La febbre in genere serve per combattere la malattia stimolando il sistema immunitario. Prestare attenzione quindi se il gatto non mangia, non beve, è stanco, non provvede alla routine quotidiana di pulizia, il respiro è veloce. In altri casi può mostrare anche altri sintomi legati alla malattia che ha portato la febbre, come starnuti, tosse, diarrea o vomito.

 

Come misurare la febbre

Negli esseri umani per provare la febbre si usa mettere una mano sulla fronte o sulle orecchie per sentire se si percepisce una temperatura superiore al normale. Nei gatti questo metodo non è assolutamente rilevatore dell’aumento della temperatura. È uso comune controllare la febbre al gatto toccando il naso. Si dice che se il naso del gatto è umido sia in salute ma non è un metodo efficace e attendibile. Ad esempio un gatto colpito da malattie virali può presentare un debole rialzo della temperatura alternando stati febbrili a stati normali. L’unico modo valido per provare la febbre al gatto è la misurazione della temperatura corporea con metodi non empirici ma usando un termometro rettale.

  • Per maggior tranquillità si consiglia di procedere alla misurazione delle febbre in due. Tre mani tengono fermo il micio tenendolo per il corpo e le zampe, mentre la quarta mano può provvedere ad inserire delicatamente il termometro nello sfintere del gatto.
  • Durante l’operazione il gatto può restare in posizione eretta oppure sdraiata, dipende da come il gatto è stato abituato. Per questa ragione si consiglia le prime volte di osservare bene come il veterinario agisce individuando la posizione più idonea.
  • Prima di introdurre il termometro nel retto è bene lubrificarlo con un po’ di olio di vaselina per rendere l’operazione più fluida prima di averlo ovviamente disinfettato.
  • L’introduzione deve avvenire a mano ben ferma ma con un movimento delicato, mai brusco. Si sentirà una certa resistenza perché lo sfintere del gatto è rigido, ma non ci si deve arrendere. Continuare quindi con l’inserimento ruotando il termometro fino a una profondità di circa due o tre centimetri.
  • Il termometro va tenuto per pochi minuti, anche perché di più non sarebbe possibile! Una volta estratto va sempre disinfettato prima di riporlo.
  • Al termine dell’operazione si può premiare il gatto con uno snack.

Quale termometro usare

Non è semplice provare la febbre ai gatti tramite termometro rettale perché anche il gatto più mansueto può avere reazioni improvvise e aggressive. Con molta pazienza e dolcezza si deve cercare di abituare il gatto a questa prassi magari facendosi aiutare le prime volte dal veterinario e poi da qualcuno in casa. Per misurare la temperatura rettale al gatto è bene usare un termometro non di vetro perché il gatto si potrebbe agitare con il rischio di frantumare il termometro. Si consiglia di utilizzare i termometri a rilevazione rapida così che l’operazione possa concludersi al massimo nel giro di due o tre minuti, meglio se digitali. Il veterinario di fiducia saprà consigliare quale termometro comprare.

 

Cause e cure

Cause della febbre nel gatto

La febbre è un segnale di una malattia in corso per cui è importante cercare non soltanto di abbassare la temperatura ma soprattutto di curarne la causa. È solo il veterinario che può con certezza trovarne le cure. L’ipertermia di solito insorge quando il sistema immunitario viene allertato da diverse condizioni come lesioni traumatiche, pancreatiti, tumori, infezioni virali, FIP, Felv, FIV, o batteriche. Possono insorgere anche casi in cui la situazione febbrile permanga per oltre due settimane in questo caso si tratta di FUO, “febbre di origine sconosciuta”.

Cosa fare se il gatto ha la febbre

Innanzitutto occorre essere certi della temperatura corporea del gatto dopo averla provata usando un termometro rettale o dopo aver consultato il veterinario. Un gatto con la febbre tende ad isolarsi, a non mangiare e a bere poco. Si consiglia di non forzare l’animale ma di lasciare sempre la ciotola con acqua fresca a disposizione oppure facendogli leccare un cubetto di ghiaccio. Si può cercare di rendere la cuccia più idonea ad esempio mettendo una coperta di lana che aiuterà il micio a sentirsi più al caldo. Non somministrare farmaci se non prescritti dal veterinario. Le cure fai da te possono aggravare la situazione ed essere in alcuni casi letali.

 

Libri consigliati

  • La magia del gatto

    Tra tutti gli animali domestici il gatto è certamente quello più affascinante, ma anche quello nei cui confronti esistono più pregiudizi.
  • Cat confidential

    "I gattofili adorano parlare dei loro gatti. Hanno la casa piena di foto, libri, calendari, tovagliette da tè e bigiotteria ispirati ai loro amati felini.
  • Il gatto. Se lo conosci lo educhi

    Alice Ki accompagna il lettore alla scoperta di quest'essere dall'irresistibile personalità, coinvolgendolo in un percorso "iniziatico" con una profusione di consigli e considerazioni dettate dalla
  • 101 ricette da preparare al tuo gatto

    È arrivata l'ora di gettare definitivamente nel cestino le noiosissime scatolette e i fastidiosi croccantini.
 

Lascia un commento

Buongiorno!

sono francesca, il nostro gattino si chiama Jack...lo abbiamo adottato da qualche settimana, preso in gattile ( in realta era in stallo a casa di una dolcissima signora) pare abbia sui 4/5 MESI.

Sverminato.....gattino molto vispo e coccolone, da 5 giorni non è in forma, mangia , beve e fa i suoi bisogni regolarmente, ma sta sempre in divano a dormire e gioca poco, cosi ho pensato avesse la febbre e visto che sono ancora scioccata perché da poco ho perso il mio Mike..( per una malformazione congenita del diaframma..aveva 3 anni piccolo)..ho portato Jack dal veterinario..il quale l 'ha visitato...ha un po' di febbre 39.6 e per il resto ok...
mi ha dato un anti infiammatorio e continuare un antibiotico che stavo già dando (STOMORGYL 2) per l'alito cattivo causato da una leggera gengivite.

Il veterinario giovane ma pur sempre medico, stava sostituendo la mia veterinaria di fiducia, mi ha tranquillizzata, ma di fatto questo gattino non sta male ...ma nemmeno bene.

Quindi che mi consigliate ? quanti giorni aspetto ancora per riportarlo?
scusaste la pressione...ma sono veramente ancora sotto stress dalla perdita dell'altro micio.
Grazie
francesca

Cara Francesca, immaginiamo bene la tua preoccupazione.
Lascia che la cura faccia effetto, ma piuttosto, il veterinario a cosa ha attribuito questa infiammazione? Non ha chiesto accertamenti?
Se fosse il mio micetto io lo riporterei per un controllo.
Facci sapere!
Nicoletta

La mia gatta ha 4 mesi. Da 2 giorni mangia poco e non beve. Dorme. Cammina malissimo perché ha dolore agli arti. Ha la pancia gonfia e calda, le orecchie congelate

Ciao Clara,
devi andare subito dal veterinario.
Non far passare altro tempo.

Salve a tutti,spero possiate aiutarmi...Mia madre circa 2 mesi fa ha adottato una gattina di 3 mesi,immediatamente portata dal veterinario x un controllo é risultata piena di pulci Ascaridi etc...risolto questo é uscita la giardia..risolto anche questo ha iniziato ad avere la febbre...rimasta ricoverata in clinica sotto antibiotici e fluidi per 2 giorni é stata dimessa...le molteplici analisi che ha fatto dicono che ha un qualche imprecisato virus,continuano le cure con antibiotico e cortisone ma niente,la febbre non passa,varia dai 39 ai 40 gradi..fiv e felv negativa,non vogliono fargli il test x la fip perché dicono che non ce l'ha...ora dopo più di un mese le hanno sospeso le cure x vedere come va ed eventualmente cambiare molecola dell'antibiotico,non vogliono darle antinfiammatori perché dicono sia pericoloso...fortunatamente mangia,ma é distrutta,sia lei sia mia madre,non sappiamo più a cosa pensare,abbiamo sentito anche un'altra clinica che ha confermato la"diagnosi non diagnosi "precedente. .da lastre ed ecografie non risulta nulla...aiutateci!!!

Ciao.ho romeo 4 mesi.da un po di giorni.ha febbre .è un british.shortair.ma mangia regolare .ma beve poco.non gioca più e dorme sempre.lho portato dal veterinario.stanno facendo le analisi.

@veronica: sei nelle mani di medici professionisti, aspetta di vedere cosa dicono le analisi! Sta prendendo antibiotico? Auguri

No.non mi hanno dato nulla ho paura.non voglio perderlo.

Veronica, come stai il micio? Si è ripreso? Facci sapere!

La mia micia Inge, Maine Coon di 4 mesi, è in cura da oltre un mese e mezzo per la giardia. Il primo ciclo di Panacur, abbinato al Carobin pasta, non l'ha debellata completamente.. Abbiamo iniziato ora un secondo ciclo, ma prima abbiamo fatto pure Spiroxan 10 e a seguire il Bimixin. La micia è vispa, mangia e gioca - ma la diarrea ci perseguita! Sto integrando anche con Florentero e mangia monoproteico...cos'altro possiamo fare per il suo povero pancino? Sono molto preoccupata .Grazie.

Buona sera, mi chiamo Masha e la mia gattina Furia è incinta. Come noi abitiamo in un piccolo paese nel Abruzzo, tra le montagne, e primo veterinaria si trova in una città più grande, vorrei chiederla: la gatta credo sta a 2/3 di tempo di gestazione e ha il naso secco e caldo, non saprei capire se ha la febbre ho è dovuto semplicemente allo suo stato di essere gravida? Mi dia per favore il suo prezioso consiglio, cosa fare? La ringrazio anticipatamente. Auguro buona serata. Masha