Il 17 febbraio si celebra la festa del gatto

Non a caso la festa del gatto è a Febbraio, il giorno 17, mese dell’Acquario, il segno zodiacale che meglio rappresenta l’autonomia e  l’indipendenza. La festa del gatto si celebra dal 1990, anno in cui la rivista dedicata ai felini Tuttogatto istituisce questa ricorrenza. La data della festa del gatto non è la stessa in tutto il mondo, infatti in Canada si festeggia l’8 Agosto, negli USA il 29 Ottobre, in Russia il primo di Marzo.

 

Perché proprio il 17 Febbraio?

La rivista Tuttogatto venticinque anni fa propose un sondaggio tra i lettori per scegliere la data in cui celebrare il gatto. Vinse una lettrice, Oriella Del Col, che propose il 17 Febbraio per festeggiare tutti i gatti del mondo, motivando la sua scelta in questo modo:

  • Moltiplicando l’1 per il 7 si ottiene la formula una vita per sette volte, proprio come le sette vite dei gatti.
  • Secondo la cultura popolare antica il mese di Febbraio era dedicato alle streghe e ai gatti, un mese magico quindi, proprio come magici sono i gatti.
  • Febbraio è il mese del segno dell’Acquario, simbolo di indipendenza, ribellione e degli spiriti liberi.
  • Il numero 17 in Italia è da sempre considerato come numero sfortunato. Ottenendo poi l’ anagramma del numero romano XVII in latino si traduceva: VIXI, "vissi", ovvero “sono morto”.

 

Libri consigliati

  • Cento modi per il gatto...

    "Per far sì che il vostro umano capisca che voi siete il gatto alfa, capofamiglia nonché capobranco, iniziate fin da subito un programma di ridimensionamento del suo status sociale.
  • Il libro dei gatti tuttofare

    T. S: Eliot dipinge gli esseri umani, in questi ritratti bizzarri di gatti e caratteri gatteschi.
  • Tira fuori la gatta che è in te

    Bellissimo libro per donne che si sentono feline o ancora non sanno di esserlo.
  • Dimmi che gatto hai e ti dirò che donna sei

    "Cercate di capire il gatto e capirete la donna" recita un detto orientale: le caratteristiche fisiche e caratteriali, i comportamenti, i pregi e i difetti dei mici sono lo specchio di quelli del m
 

Lascia un commento