Quale cibo scegliere? Scatolette o croccantini?

Cibo di qualità innanzitutto! Prima di domandarsi se sia meglio dare al gatto le scatolette o i croccantini occorre trovare delle marche di qualità. Spendere un po’ di più per l’alimentazione del gatto vuol dire garantirgli uno stato di benessere maggiore e risparmiare anche sulle spese veterinarie. Diffidare del cibo venduto ad un prezzo eccessivamente basso ed imparare a leggere le etichette per sapere cosa stiamo dando al nostro amico. Stabilire poi se sia meglio dargli un alimento umido o secco è una questione che apre ancor oggi diversi dibattiti. Questi alimenti industriali, se di qualità, sono in grado di assicurare il fabbisogno nutrizionale quotidiano del gatto. Altro aspetto positivo è la loro lunga conservazione dovuta alla sterilizzazione a cui sono sottoposti gli alimenti. Sono pratici e sicuri perché durante la lavorazione le alte temperature raggiunte possono inattivare molti agenti infettivi. Vedi anche Come leggere le etichette del cibo per gatti.

 

Cibo di qualità

Considerando che per legge tutti gli alimenti per gatti dovrebbero essere sicuri anche per il consumo umano, non dovrebbero esserci grandi rischi nel dare al gatto cibo confezionato, aldilà che sia secco o umido. I produttori di qualità usano infatti scarti alimentari presi da cibo prodotto per il consumo umano, mentre altri produttori usano elementi che sono stati giudicati inadatti per il consumo umano. Nel caso in cui non si possa, o non si voglia, spendere troppo per comprare la pappa al gatto è meglio preparare il pasto in casa. È importante prima di ogni scelta che ci si indirizzi verso case produttrici di qualità così come variare nella tipologia di alimenti per abituare il gatto a consistenze e gusti diversi, essendo già lui per natura un animale “dai gusti difficili”!
Qualsiasi sia la consistenza, secca o umida, le ricette possono avere una formula fissa o variabile.

Cibo a formula fissa “premium” o “superpremium”

Le formule fisse sono il livello “premium” o “superpremium” del mercato. Sono gli alimenti più costosi perché prevedono sempre determinati ingredienti. I cibi a formula fissa che usano sempre gli stessi ingredienti possono comunque modificare alcune caratteristiche come le dimensioni dei pezzi di carne o gli aromi. Esistono poi delle diete specifiche che sono state studiate per far fronte ad alcune malattie o disturbi del gatto.

zooplus.it

Cibo a formula variabile

Un prodotto a formula variabile non è necessariamente inferiore se gli ingredienti sono di qualità e alto valore nutrizionale. Il valore energetico è lo stesso.

 

Differenze fra secco e umido

I croccantini sono preparati cuocendo il cibo a pressione, essicandolo, poi lo si irrora di grasso per renderlo più appetibile e i conservanti aggiunti evitano che il grasso si alteri. Il cibo umido viene cotto, pastorizzato, poi sigillato in lattine o bustine e poiché è sottovuoto i conservanti non sono necessari.

Quale scegliere?

La scelta tra cibo secco o umido si basa spesso sulla convenienza e sul gusto dal momento che dal punto di vista nutrizionale non ci sono molte differenze, considerando sempre cibi di qualità! I croccantini fanno esercitare di più i denti e le gengive e aiutano a ridurre i problemi dentali. Studi recenti hanno dimostrato però che un uso prevalente di cibo secco può aumentare il rischio di obesità in quanto ha un valore meno saziante rispetto all’umido quindi il gatto cercherà di mangiare di più.
La differenza principale tra secco o umido è il livello di umidità. I cibi secchi contengono in genere il 10/15 % di umidità, mentre quello umido intorno all’80%. Entrambi possono essere conformi agli stessi standard nutrizionali ma le informazioni sulle etichette variano in modo consistente proprio a causa della percentuale di acqua.

Consistenza del cibo

Per il gatto è molto importante la consistenza di un cibo. I croccantini infatti sono proposti sul mercato con diverse forme e densità per rispondere meglio alle sue esigenze e ai suoi vizi.  Negli ultimi anni anche il cibo umido viene proposto in diverse consistenze, dal patè, ai bocconcini, in gelatina, ai panetti, alle mousse.

 

Cibo secco: i croccantini

Cibo secco, croccantini per gatti

I croccantini devono essere di ottima marca per salvaguardare il gatto da malattie e complicazioni causate da cibi industriali di pessima qualità, costituiti per lo più da fa farina di ossa e scarti di carne e pesce assemblati e colorati chimicamente. L’abuso di croccantini scadenti causa nel gatto calcoli renali e alla vescica spesso scoperti troppo tardi.

Se beve troppo

Sorprendere il gatto andare a bere di frequente è sintomo di cibo scadente. Il gatto che mangia inoltre cibo di scarsa qualità ha il pelo opaco, l’alito cattivo e i denti rovinati.

Ideali in estate

Le crocchette per gatti sono un alimento ideale nei mesi estivi in quanto con il caldo il cibo umido si deteriora più facilmente. Fare sempre attenzione alle dosi di croccantini.

Quanti croccantini dare al gatto

Sono un alimento completo dal punto di vista nutrizionale, un pasto vero e proprio, quindi per non rischiare di portare il gatto verso l’obesità, seguire sempre le indicazioni riportate in etichetta sul dosaggio variabile in base al peso dell’animale.

 

Cibo umido: le scatolette

Cibo umido per gatti

Le scatolette hanno un contenuto di acqua all’incirca del  80%.  Le materie prime utilizzate sono principalmente la carne e i sottoprodotti della macellazione di diversi animali. Contengono anche cereali, verdure, sali minerali, vitamine. Tutto il processo produttivo è sottoposto a controlli di qualità. È importante leggere l’etichette perché forniscono una serie di indicazioni rispondenti ad una normativa europea nelle quali sono riportate tutte le informazioni che ne garantiscono provenienza e qualità.

Al gatto piacciono di più le scatolette

Le scatolette sono in genere molto più appetibili che i croccantini grazie anche alla grande varietà di gusti in commercio. Proprio perché il gatto pare gradire di più l’umido al secco occorre fare attenzione a non esagerare con le razioni.

 

Libri consigliati

  • Il gatto. Se lo conosci lo educhi

    Alice Ki accompagna il lettore alla scoperta di quest'essere dall'irresistibile personalità, coinvolgendolo in un percorso "iniziatico" con una profusione di consigli e considerazioni dettate dalla
  • I poteri magici del gatto...

    Da sempre la figura del gatto è legata all'occulto, alla magia, all'esoterismo, al mondo del sacro e all'aldilà.
  • La gatta che amava le acciughe

    Quando i gatti finiscono in prima pagina, di solito sono protagonisti delle avventure più incredibili.
  • Dimmi che gatto hai e ti dirò che donna sei

    "Cercate di capire il gatto e capirete la donna" recita un detto orientale: le caratteristiche fisiche e caratteriali, i comportamenti, i pregi e i difetti dei mici sono lo specchio di quelli del m
 

Lascia un commento

ho un micio di nome Lobo nato dal 26 aprile ,ha 3 mesi dal manto colore grigio fumo ,troppo vivace vispo !
vorrei sapere il nome del cibo che lucidare il manto ?

Il miei gatti preferiscono i croccantini..

Il mio gatto (un meticcio di 4 anni) ha dei gusti abbastanza particolari, ha spesso rifiutato il cibo, soprattutto quello dei supermercati. A volte, dopo i pasti, vomitava tutto o era nervoso, irrequieto... L'unica marca con cui non ho avuto problemi (e che ritengo persino migliore dell'alimentazione casalinga, ma questo è un mio parere personale) è Princess. Peccato che in Italia la conoscano in pochi, perchè rispetto a quello che si trova in circolazione, è davvero di un altro livello.

Ciao a tutti, io ho 4 gatti maschi che mangiano di tutto senza problemi; uso sia umido che secco ma sui croccantini non cambio assolutamente idea, solo FARMINA grain free per i piccoli di un anno e mezzo e anchestral grain per il micio di 12 anni; come umido uso animanda ma se qualcuno ha delle marche buone da suggerirmi vi ringrazio.... rifiuto Hill's, Royal Canin ed Eucanuba per partito preso. Un saluto a tutti

LA MIA GATTA, CON INSUFFICIENZA RENALE, INIZIA AD ACCETTARE I CROCCANTINI RENAL (DOPO 30 GIORNI E CALO PONDERALE, PER AVER MANGIATO DI MENO). TUTTAVIA NON SOPPORTA L'UMIDO, RENAL. HO PROVATO TUUTTE LE MAGGIORI MARCHE VETERINARIE, MA SENZA RISULTATO. HO MESCOLATO LA PAPPA UMIDA RENAL A QUELLA NON RENAL, MA NIENTE DA FARE. ESISTE QUALCHE ALTRA STRATEGIA, PER FAVORE? DEL CIBO UMIDO LE FAREBBE BENE, PER LA SUA PATOLOGIA. GRAZIE.

Buonasera silvia, noi non possiamo indicare marche di cibo perché sarebbe pubblicità.
Le consiglio eventualmente di diluire secco con acqua se vuole renderlo più umido. Saluti