Da totalmente carnivoro a vegano. Ma quanta carne e quale dare al gatto?

Allo stato selvatico il gatto era totalmente carnivoro. Le prede preferite erano e ancora oggi sono: i topi, gli uccelli, i serpenti, le rane, le cavallette, i grilli e i  maggiolini. Una volta divenuto animale domestico è diventato onnivoro mangiatore di tutto. Anche la conformazione del suo corpo nei secoli si è modificata, infatti per poter contenere i cibi più vari il suo intestino si è allungato. Malgrado questa evoluzione il gatto è comunque rimasto un animale con chiare tendenze carnivore. Una alimentazione a base esclusivamente di carne oggi sarebbe però nociva perché il gatto casalingo si muove molto meno rispetto a quello selvatico quindi non riuscirebbe ad eliminare il veleno delle tossine conseguenti alla digestione, per cui potrebbero derivarne vari disturbi, dalla gastrite all’artrite, alle apatiti, ad eczemi.
Negli ultimi anni c’è la tendenza ad imporre una dieta vegetariana credendo che possa essere salutare per il gatto. Ma attenzione perché una dieta solo vegetariana non è corretta, mancherebbero delle sostanze fondamentali per il suo benessere. Infatti le proteine una volta digerite sono scomposte in aminoacidi e glucosio che per il gatto sono la prima fonte di energia. Inoltre si andrebbe contro la sua natura privandolo di taurina e aminoacidi come l’arginina che il gatto ricava solo da carne rossa, crostacei e pollame, così come la vitamina A.
L’alimentazione mista è dunque indispensabile alla buona salute del gatto moderno. Ad un gatto normale sono in genere sufficienti due etti di alimenti solidi al giorno di cui un quarto di questo cibo deve essere carneo, pollo, frattaglie, pesce.

 

Quale e quanta carne dare al gatto

È importante dare sempre carne cotta al gatto. Un’alimentazione a base di carne cruda può essere causa di intossicazioni, di malattie anche gravi. Non dare mai all’animale ossa appuntite o che si sfaldano. Il gatto mastica poco per questo è importante che la carne sia tagliata a pezzetti in modo che sia costretto alla masticazione, utile anche per pulirsi i denti e fortificare le gengive.

Carne bovina

La carne di origine bovina è molto gradita al gatto grazie anche alla sua digeribilità. Va somministrata appena scottata. Cento grammi di carne di manzo apportano circa 300 calorie con un moderato apporto di grassi.

Carne equina e di maiale

Questi tipi di carne possono essere una alternativa alla carne bovina. Il gatto è molto ghiotto di prosciutto e insaccati in genere ma occorre fare attenzione perchè il suo corpo farà fatica a digerire a causa degli aromi presenti e del troppo sale che non gli fa certamente bene, è meglio quindi evitare. Un tempo si vietava la carne suina al gatto perché causa di malattie gravi. È opportuno ricordare che se cotta il rischio di contrarre malattie decade.

Frattaglie

Il fegato, il cuore, il polmone, la trippa, sono alimenti molto graditi ai gatti. Nell’equilibrio di un pasto occorre però ricordare che il fegato è molto ricco di proteine e vitamine ma può avere effetti lassativi, per questo si consiglia di somministrarlo una volta a settimana. Il polmone è un alimento ottimo e gradito al gatto. Può mangiarne in abbondanza ma sempre scottato in acqua bollente per qualche minuto. Una variante anche economica è la trippa, ma è meglio darla non più di due volte a settimana.

Pollame

È una carne molto appetibile per i gatti, digeribile e con pochi grassi. Occorre fare sempre attenzione a non dargli le ossa che possono essere pericolose.

 

Se il gatto caccia da solo la sua carne

Non ci si deve sorprendere se si vede il gatto di casa divorare un uccellino senza lasciare neanche il becco! Infatti un topo o un uccello vivi non solo sono un cibo bilanciato, con acidi grassi ricavati dal grasso, aminoacidi sotto forma di proteine, fibre ricavate dal becco, artigli, piume e pelo, vitamine e minerali da viscere ma offrono anche una varietà piacevole di materiali diversi da masticare. Vedi anche La caccia.

 

Libri consigliati

  • Kant il gatto

    <p>La filosofia è una cosa troppo seria per essere presa davvero sul serio.
  • Tutto sulla psicologia del gatto

    Utile testo e guida per capire l'affascinante psiche del gatto, i suoi comportamenti, le sue esigenze, i suoi bisogni.
  • Lo zen del gatto

    Dove troviamo la nostra dose quotidiana di meditazione, rilassamento, natura e saggezza? Nei gatti!
  • Gatti

    Dopo un'introduzione storica, dall'evoluzione del gatto alla sua rappresentazione nella cultura e nell'immaginario collettivo umano, la guida si divide in singole schede, ciascuna dedicata
 

Lascia un commento

Bellissimo sito! Ben concepito, ben realizzato e molto interessante. Complimenti a tutti

Il gatto ha 18 anni in buona salute ma muta frequentemente gusto. Mi vergogno per la fame nel mondo ma lo accontento comprando pollo arrosto...sgombro al naturale...adesso mi si parla della trippa. Non mi sogno minimamente di farla. C'è qualcosa in una confezionata che potrebbe nuocere al gatto...es. pomodoro? Grazie. Vera

Gentile Vera,
consulta la nostra sezione relativa all'alimentazione con consigli utili e indicazione dei principali alimenti dannosi ai gatti.
Ciao

Buonasera ho dei ipertipici persiani di 2 anni e do a loro lo spezzatino crudo insieme alla scatoletta naturale accompagnata a crocche, la carne gli do 35grammi ciascuno ogni giorno ,ma il veterinario mi ha detto di non farla più. L allevatrice dice che non fa male,rimango in dubbio ,sapete dirmi la cosa giusta?

@ Stefania: carne cruda al gatto mai! Ascolta il tuo veterinario!!! Ciaooo :-)