Perché da coccolone diventa aggressivo, si rivolta e mi graffia?

L’aggressività è un problema piuttosto complesso che riguarda i gatti e la convivenza con gli esseri umani. Spesso la causa non è da ricercare nel gatto ma in qualche cambiamento che si è verificato in casa. Il comportamento aggressivo del gatto di solito è diretto verso gli umani o altri animali presenti e ha un effetto molto destabilizzante nella convivenza.

 

Perché è aggressivo?

Il proprietario di un gatto che mostra segni di aggressività deve cercare di capire quale ne sia la causa e gestirla insieme alla reazione aggressiva.

Cause più comuni di aggressività nel gatto

  • Malattia
  • Sovraffollamento in spazi troppo stretti da condividere con altri animali
  • Mancanza di sicurezza dovuta a cambiamenti frequenti della routine quotidiana
  • Arrivo di un neonato in casa
  • Mancanza di stimoli e noia, frequenti nei gatti che vivono in casa
  • Esperienze traumatiche

Il dolore e la malattia sono in genere tra le cause più frequenti di comportamenti aggressivi nei gatti. Un gatto può infatti attaccare improvvisamente come difesa quando prova sofferenza.

Affrontare la causa della aggressività

Frustrazione

Può capitare che un gatto sia infastidito per un determinato motivo e può quindi attaccare in modo aggressivo il proprietario o chiunque si trovi a tiro per frustrazione. Ad esempio un micio che vede fuori dalla finestra un altro gatto può aggredire chiunque sia di passaggio in casa per la frustrazione di non riuscire a difendere il suo territorio.

Mancanza di stimoli predatori

Il gatto è un cacciatore nato quindi può attaccare qualsiasi cosa si trovi a tiro come le caviglie delle persone o altri animali. In genere capita quando il gatto non ha altri stimoli predatori per sfogare i suoi istinti innati di caccia.

Paura

Quando è spaventato il gatto può attaccare e aggredire anche la persona che sta cercando di aiutarlo proprio perché viene vissuta come una situazione minacciosa.

Allontanamento precoce dalla mamma

Il gatto può sovraeccitarsi mentre sta giocando manifestando eccessiva aggressività soprattutto se è stato allontanato dalla mamma troppo presto e incoraggiato dal proprietario a giocare in modo violento. Il gatto non riconosce il limite tra gioco e aggressione.

Convivenza con altri gatti

Qualora arrivino in casa altri membri, che siano altri gatti, animali o bambini, nel gatto prevale lo spirito di competizione in quanto vuole essere e rimanere il dominante del gruppo.

Può capitare che il proprietario di un gatto aggressivo non si ritrovi in nessuna di queste situazioni allora si consiglia di rivolgersi ad un terapista del comportamento felino. Può trattarsi di un problema delicato e complesso che difficilmente si risolve senza l’aiuto di un professionista.

 

Evitare un comportamento aggressivo

Il segreto per evitare l’insorgere di problemi comportamentali del gatto è di farlo socializzare in modo corretto da quando è cucciolo. Si possono evitare i morsi improvvisi durante le coccole abituando il gatto a sessioni di carezze quando è piccolo e al contatto con l’essere umano. È importante ricordarsi sempre di non punire mai il gatto in modo aggressivo, colpendolo o sgridandolo con forza perché in questo modo sarà più incline a ripetere l’azione aggressiva o sbagliata sapendo di ottenere una reazione.

 

Cosa fare per limitare l'aggressività

Ignoralo!

È difficile ma la cosa più importante da fare quando il gatto è in preda ad un raptus di aggressività è di ignorarlo, anche se tende un agguato alle caviglie! Gridare o rincorrerlo con le minacce non fanno altro che aumentare il suo stress. Se aggredisce di colpo mentre lo si sta accarezzando si consiglia di alzarsi e di farlo scendere dalle gambe. In caso di aggressioni gravi e ricorrenti si possono indossare in casa stivali di gomma o guanti così da scoraggiarlo.

Fallo sobbalzare!

Si può utilizzare il classico spruzzino per le piante per sorprenderlo durante un attacco aggressivo così da fermare le sue azioni sempre senza urlare e soprattutto senza rincorrerlo per la casa. Nel caso in cui l’aggressione improvvisa avvenga fra due gatti, dopo aver provato ad ignorarli, si può tentare di battere le mani.

Premialo quando è tranquillo!

Quando il micio è calmo e sereno e non mostra atteggiamenti aggressivi è bene ricompensarlo con un premio così che associ il comportamento corretto alla ricompensa.

Fallo uscire!

Se c’è la possibilità che il gatto viva in semilibertà si consiglia di riservargli uno spazio all’aperto così che possa sfogare i suoi impulsi. Spesso il gatto è aggressivo proprio per noia e fustrazione.

 

Aggressività durante le coccole

Può capitare che mentre si accarezza il gatto improvvisamente si innervosisca e attacchi il suo proprietario. Da gattone coccolone diventa così una iena. I segnali per riconoscere questo repentino cambiamento vanno osservati nelle orecchie che si portano indietro fino ad appiattirsi, le pupille si dilatano e la coda si muove fino al momento dell’attacco in cui il gatto cerca di mordere e con le zampe posteriori fa leva sulla mano del proprietario. In questo momento occorre cercare di stare fermi per non innescare una reazione senza via di uscita. Non si sa ancora esattamente perché il gatto reagisca così improvvisamente ma l’attacco durante le coccole è più frequente nei mici non abituati al contatto umano fin da cuccioli o allontanati troppo presto dalla mamma. Infatti nei primi mesi di vita è la mamma ad insegnargli a giocare con i fratelli senza tirar fuori le unghie e senza ferirli.
Dopo l’attacco aggressivo il gatto tende a dedicarsi alla toelettatura, spesso vissuta come momento di relax.
Non c’è molto da fare per impedire che il gatto si stanchi improvvisamente delle coccole, ma si può imparare a riconoscere quando “dice basta”! Osservando il suo linguaggio corporeo ci si può qundi fermare prima ed impedire l’attacco. Soprattutto si deve evitare di accarezzare la pancia ad un gatto nervoso o che si conosce poco. La pancia è il punto più sensibile che se sollecitato può generare subito un attacco aggressivo.

 

Libri consigliati

  • Il carattere del gatto

    Il gatto: un dio per gli antichi egizi, una maledizione per i cristiani superstiziosi del Medioevo, un compagno di meditazione per filosofi come Cartesio e Voltaire, un simbolo di mistero per maghi
  • Cento modi per il gatto...

    "Per far sì che il vostro umano capisca che voi siete il gatto alfa, capofamiglia nonché capobranco, iniziate fin da subito un programma di ridimensionamento del suo status sociale.
  • 1001 cose da sapere e da fare con il tuo gatto

    Intelligente? Curioso? Indipendente? Affettuoso? Come descrivere il gatto, un animale che accompagna gli esseri umani dalla notte dei tempi, ma che, forse, non è stato ancora pienamente compreso?
  • Perché i gatti si fanno di erba e noi siamo pazzi di loro

    Perché i gatti "fanno la pasta"? Cosa comunicano con le fusa? È vero che amano la musica? E perché perdono la testa per l'erba gatta?
 

Lascia un commento

Al mio micio molto affettuoso hanno diagnosticato la felv anbiamo fatto 2 mesi di cura per bocca si è ripreso fisicamente ma è diventato aggressivo e sta tutto il giorno nascosto sotto al letto devo dargli il cibo li sotto graffia e soffia cosa possiamo fare? Grazie della risposta

ho una micia di 7 anni sterilizzata e casalinga. ultimamente è aggressiva con il mio compagno che non vive con me ma frequenta giornalmente casa mia. gli fa agguati ai piedi e soffia, lui si spaventa e forse lei percepisce la sua paura. non so veramente come affrontare la situazione. esiste uno specialista che studia il comportamento dei gatti, oppure qualche prodotto che la possa rendere tranquilla? ho comprato FELIWAY con l'emanatore ma non sembra dare risultati. Inoltre di notte miagola come se fosse in calore, portando in giro per casa un pupazzetto.grazie per i consigli

Ciao Claudia,
I gatti riescono ad essere molto gelosi! Nel tuo caso potresti certamente rivolgerti ad un veterinario comportamentista. È la strada migliore se anche col diffusore di feromoni non ci sono stati risultati. Facci sapere!

Grazie per il post. Il mio gatto era aggressivo perche era in casa l'ho fatto uscire e non e più tornato,grazie mi avete rovinato al vita

@andrea: Il paragrafo al quale si riferisce è quello in cui si consiglia di farlo uscire? Noi presupponiamo che le persone che leggono il sito capiscano i contenuti e usino un po' di raziocinio. Se ha letto bene, si parla di semi libertà, e di fare uscire il gatto IN SICUREZZA. Se lei ha spalancato i portoni e il suo gatto è fuggito capisce che è lei ad "essersi rovinato la vita da solo?"
Un po' di logica e intelligenza caro Andrea.

Si ma come potrei far stare un gatto in semilibertà?

Andrea, occorre far abituare il gatto con tanta pazienza ed attenzione prima di liberarlo. Ad esempio portandolo al guinzaglio ogni giorno facendogli conoscere il territorio e la porta di casa. Al ritorno dal giro fuori dandogli del cibo così che sappia che a casa c'è da mangiare.
guarda la nostra pagina sui gatti in semilibertà http://www.tuttosuigatti.it/gatto-in-semiliberta.html. Troverai utili consigli.

Il mio gatto ha 7mesi e mi sa è ora di portarlo a sterilizzare.ha un miagolio diverso dal solito e ha voglia di uscire!poi lo vedo un po' triste io spesso nn ci o ma c'è chi sta con lui spesso.quando torno dai miei giri di lavoro prima mi fa le fusa ma poi mi aggredisce.cosa faccio?grazie mille

Buongiorno io ho preso una gatta di già due anni al gattile all inizio era aggressiva poi piano piano e diventata tranquilla. Ora è ritornata aggressiva da quando una sera a aggredito mia figlia e lei ha battuto forte il cucchiaio sul tavolo per farla smettere ...mi spiacerebbe riportarla al gattile non so più come prenderla anche se lui è seduta al mio posto e arrivo lei soffia poi va via e mi guarda da lontano con le orecchie basse e appiattita al pavimento. Che fare?

Elisa, il comportamento di tua figlia sicuramente non ha migliorato la situazione, anzi.
Prova ad ignorarla quando fa così. Una reazione aggressiva genera altrettanta aggressività.
Orecchie basse e corpo appiattito indicano paura e difesa, quindi pronta ad aggredire per difendersi.
Ha paura questa micia, e ovviamente si difende con le sue armi.
Quando è tranquilla e si fa accarezzare premiala con del cibo gustoso, dovrebbe farlo soprattutto tua figlia così da ristabilire un po' di serenità, ma non abbassate mai la guardia. Ovviamente non disturbarla quando è tranquilla. Se la situazione non cambia sarebbe il caso di rivolgersi ad un veterinario comportamentista, ma non so indicarti di più. Ogni gatto ha una sua storia ed è difficile dare consigli senza conoscere il caso e la vita in casa.
Facci sapere.

Grazie per l aiuto ora sta già migliorando e tornata a darmi i baci anche se ogni tanto scappa ...mia figlia viene solo un giorno a settimana quindi gli dirò di non guardarla ...il passato di piuma la gatta e stata trovata per strada e denutrita ...pesava mezzo kg quando l ho presa al gattile era 800 gr oggi è con me da più di un mese e già un kg e mezzo. Mi spiacerebbe portarla ancora la perché soffrirebbe ancora. Ci metterò tanta pazienza la ringrazio tantissimo.

Che bello Elisa! Bene, bene! Continua così. Felicissima per te, la micina e per tua figlia. Tienici aggiornati :-)